San Severino: Guido Bertolaso inaugura la sede della Protezione Civile

12/02/2008 - Sarà Guido Bertolaso, direttore del Dipartimento nazionale di Protezione civile, a inaugurare a San Severino la sede del nuovo Gruppo comunale di Protezione civile.

SAN SEVERINO MARCHE - La conferma della sua presenza è arrivata ufficialmente in Comune e il “taglio del nastro” avverrà il prossimo 20 febbraio alle ore 12. “La sede â€" spiega il vice sindaco Sante Petrocchi, che ha la delega anche alla Protezione civile â€" è stata realizzata in una parte del complesso monumentale di San Domenico che è di proprietà comunale ed è stata adeguatamente ristrutturata e arredata. Gli ingressi si trovano tra via Virgilio da Sanseverino e piazza del Mercato, dove per la cerimonia saranno disposti tutti i mezzi della Protezione civile provinciale e regionale, fra cui quelli che da pochi giorni appartengono al Gruppo comunale settempedano (un pick up Mitsubishi L200, due “Panda 4x4”, un motocarro pure 4x4)”.

Alla cerimonia inaugurale, oltre a Bertolaso, interverranno autorità civili e militari di tutta la regione, i vertici della Protezione civile regionale e provinciale, rappresentanti di altri Gruppi comunali del territorio, nonchè l’arcivescovo di Camerino-San Severino, mons. Francesco Giovanni Brugnaro, per la benedizione dei nuovi locali e il saluto ai numerosi volontari presenti. Come noto, la Protezione civile a San Severino ha mosso i primi passi lo scorso luglio e oggi il Gruppo conta 91 iscritti, divisi per aree di competenza â€" logistica, autisti, paramedici, antincendio, tecnici, vettovagliatori eccetera â€" e tutti dotati già di nuove divise come da standard nazionale e di attrezzature specifiche. “Viste l’importanza e la valenza sociale del Gruppo â€" conclude Petrocchi â€" tutta la cittadinanza è invitata a intervenire e a manifestazione la condivisione e il calore possibile ai nostri volontari”.






Questo è un articolo pubblicato il 12-02-2008 alle 16:15 sul giornale del 12 febbraio 2008 - 711 letture

In questo articolo si parla di 2648, 2649, 2673