Lo Sferisterio ricorda la Boheme di Ken Russel

sferisterio di notte 2' di lettura 17/04/2008 -

Appuntamento sabato 19 con i protagonisti della celebre opera che segnò la stagione del 1984

 



Puccini venne tradito allo Sferisterio? La risposta sarà data all\'appuntamento di sabato 19 aprile, al teatro della Società Filarmonico Drammatica. Alle 18 si parlerà della celebre Bohème messa in scena dal regista inglese Ken Russell, nel 1984. Protagonisti di questa opera di Giacomo Puccini furono una giovane Cecilia Gasdia e il tenore maceratese Nazzareno Antinori. \"Fu una rappresentazione incredibile - ricorda Carlo Cingolani, sindaco di Macerata in quegli anni - con una partecipazione corale del pubblico. Non mi era mai capitata una situazione simile. Alla prima, la platea di spaccò di netto tra gli applausi fragorosi e i segni pronunciati di dissenso\".


Ken Russell, infatti, meravigliò il pubblico, con una lettura senza tempo della vita artistica bohemienne, in una Parigi dipinta in diverse epoche, con Mimì che moriva di overdose circondata da mannequin vestite delle pellicce fornite dallo sponsor della serata, le \"Sorelle Fendi\".


\"Per Macerata e lo Sferisterio, la Bohème segnò un successo clamoroso - aggiunge Cingolani -. I giornali specializzati e i quotidiani parlavano di quest\'opera e le repliche fecero tutto esaurito. Accorse gente da ogni parte d\'Italia e tantissimi stranieri. Tutti gli amanti della lirica e i curiosi volevano vedere il lavoro di Ken Russell. Applausi su applausi, ogni sera, senza più contestazioni, un periodo memorabile\".


Il sindaco Cingolani sarà tra gli ospiti che sabato parleranno di questa famosa opera rappresentata allo Sferisterio 24 anni fa. Con lui ci saranno anche il tenore maceratese Nazzareno Antinori, Raffaele Curi ed Evio Hermas Ercoli, per ricordare il successo e le contestazioni di quella stagione ed a offrire un omaggio a Giacomo Puccini, a centocinquanta anni dalla sua nascita. A seguire, alle 21, ci sarà un concerto con le arie del compositore toscano, eseguite da un quartetto d\'archi. Il \"Puccini tradito\", in collaborazione con la Fondazione di Macerata e Belisario, è il primo omaggio che lo Sferisterio Opera Festival riserva al musicista, in attesa della stagione estiva quando, in arena, sarà portato da Massimo Gasparon un nuovo e atteso allestimento di Tosca.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-04-2008 alle 01:01 sul giornale del 17 aprile 2008 - 1515 letture

In questo articolo si parla di cultura, teatro, macerata, Sferisterio Opera Festival





logoEV