Sede della Provincia occupata dai ragazzi del centro sociale Jolly Roger

2' di lettura 15/05/2008 - Ieri mattina oltre 40 attivisti del Csoa JollyRoger di Civitanova assieme ad alcune delegazioni dei centri sociali e delle Comunità Resistenti delle Marche hanno organizzato un presidio a sostegno degli spazi sociali presso la sede della Provincia di Macerata. Striscioni e cartelli hanno invaso l\'atrio del palazzo provinciale, mentre i manifestanti richiedevano un incontro con la giunta per ottenere una posizione chiara sui progetti di gestione dello spazio dell\'ex-liceo scientifico occupato; progetti che l\'Ente aveva concordato a seguito del percorso di dialogo avviato dagli occupanti.

Dopo oltre un\'ora i manifestanti sono stati ricevuti da una rappresentanza della giunta (il vice-presidente Vitali, gli assessori Savi, Boscolo, Canella e Salvi) che ha dimostrato mancanza di correttezza tentando di eludere le richieste degli attivisti e coprendosi dietro ad una astratta disponibilità a dialogare.


Concluso l\'incontro, il presidio si è sciolto e i manifestanti hanno lanciato la mobilitazione per sabato 24 maggio a Macerata per condannare l\'atteggiamento della giunta provinciale che risponde solo con la repressione alle legittime rivendicazioni del Csoa JollyRoger.


I VOSTRI SILENZI, I NOSTRI SPAZI!


In queste settimane da parte della Provincia si è fatto un gran parlare di legalità e sicurezza, di cosa sia giusto o sbagliato e di democrazia.

Noi vediamo la democrazia salire dal basso racchiusa in gesti semplici e comuni.

Per noi ridare vita ad uno stabile, riqualificarlo, restituirlo alla città ci sembra un gesto legale e democratico.


Creare un legame intergenerazionale con chi ci circonda ci sembra legale e democratico.

Autorganizzarsi e autogestirci ci sembra giusto, legale e democratico.

Ciò che non è democratico sono le bugie della giunta provinciale che non mantiene gli impegni assunti ed elude gli incontri che avrebbero portato alla firma del progetto per la gestione degli spazi.


Progetto che ha rappresentato il punto d\'incontro tra gli occupanti e gli assessori provinciali sulla riqualificazione ad uso sociale degli spazi dell\'ex-liceo scientifico.

Progetto che ha subito una brusca frenata all\'indomani del sequestro giudiziario disposto dalla procura.


Sottraendosi agli accordi presi in precedenza, la Provincia si assume la responsabilità di dare risposte di carattere solamente repressivo rifiutandosi di prendere atto dei bisogni e delle esigenze che hanno trovato espressione nell\'esperienza di autorganizzazione sociale.


Il Csoa JollyRoger proseguirà nel percorso di riappropriazione dello spazio dell\'ex-liceo scientifico, come atto che restituirà democrazia e dignità alla città di Civitanova e ai nostri territori, dignità che negli anni è stata svenduta da chi si reputa \"democratico\" e di \"sinistra\".



Csoa JollyRoger









Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-05-2008 alle 01:01 sul giornale del 15 maggio 2008 - 788 letture

In questo articolo si parla di cronaca, glomeda comunicazione





logoEV