Montelupone: l\'Oscar della Caricatura va a Franco Bruna e Sergio Riccardi

4' di lettura 02/07/2008 - Sono Franco Bruna e Sergio Riccardi i vincitori del Premio Internazionale di Satira e Caricatura intitolato al monteluponese Gabriele Galantara.

Ai due artisti è andato l’Oscar della Caricatura, un asinello in bronzo, disegnato da Marco Martellini e realizzato dalla scultrice Antonietta Zallocco grazie all’Astra Argenti di Montelupone: l’immagine richiama “L’Asino”, la celebre rivista satirica fondata da Galantara insieme a Guido Podrecca.


Il premio, alla sua prima edizione, ha fatto registrare subito un grande successo, come testimoniano gli oltre 300 lavori pervenuti al Centro Studi Galantara e selezionati da una giuria presieduta da Francesco Tullio Altan: le opere scelte, insieme ad una sezione dedicata ad artisti francesi, sono ora esposte nella splendida Chiesa di San Francesco, gremita per l’inaugurazione che si è tenuta nel pomeriggio ieri, 27 giugno 2008.


Questi gli autori presenti all’esposizione, che resterà aperta fino al prossimo 9 novembre: Andrea Bersani, Franco Bruna, Ernesto Cattoni, Antongionata Ferrari, Tommaso Gianno, Sergio Ippoliti, Beppe Mora, Paride Puglia, Ugo Sajini, Assunta Toti Buratti, Matteo Bertelli, Aldo Bortolotti, Alessandro Cappacci, Giacomo Cardelli, Marco De Angelis, Franco e Agostino Origone, Sergio Riccardi, Achille Superbi, e Toni Vedù.


Dopo l’apertura ufficiale, tutti i presenti si sono recati al Teatro Nicola Degli Angeli per la premiazione ufficiale. Ad aprire la serata, la prof.ssa Paola Magnarelli, docente di Storia Contemporanea presso l’Università di Macerata, che ha messo in luce il valore della Costituzione spiegando i motivi che hanno spinto il Centro Studi Galantara a dedicarle una sezione del premio a 60 anni dalla sua promulgazione. A seguire, il sindaco di Montelupone Nazareno Agostini ha ringraziato il Centro Studi per il grandissimo lavoro svolto: “Seppur con poche risorse – ha affermato il primo cittadino – il Centro ha operato con un entusiasmo encomiabile, diventando un formidabile attrattore di eventi e ponendo le basi per la costituzione di un museo dedicato a Galantara, grazie all’acquisizione di molte sue opere come una copia del suo primo disegno pubblicato, risalente al 1886”.


Sono poi intervenuti l’assessore alla Cultura del Comune di Montelupone Arianna Eusepi, presentatrice dell’evento, il presidente del Centro Studi Galantara Fabio Santilli, l’assessore alla Cultura della Provincia di Macerata Alessandra Boscolo insieme al suo predecessore Donato Caporalini, i disegnatori Ro Marcenaro, Danilo Interlenghi ed Antonio Mele – Melanton, direttore artistico del premio. Nel corso della cerimonia, è stata poi ricordata la figura di Honoré Daumier, il più grande caricaturista europeo, che ha notevolmente influenzato lo stesso Galantara ed il mondo satirico italiano; inoltre, si è reso omaggio alla Francia, paese ospite del premio, non solo attraverso le opere di artisti francesi esposte nella Chiesa di San Francesco, ma anche con una menzione a “L’Assiette au Beurre”, la più importante rivista satirica francese, che nella sua storia ha ospitato le vignette di soli due italiani: Cesare Giris e Gabriele Galantara.


A chiudere l’evento, la premiazione dei vincitori del Premio Internazionale Galantara: per la sezione “La costituzione italiana: 60 anni, ma li dimostra?”, a vincere è stato il torinese Franco Bruna, grande maestro della caricatura internazionale, per aver saputo concentrare, in un’allegoria biblica di mirabile effetto, i valori storici e morali della nostra carta costituzionale, raffigurando in un eccellente ritratto di Enrico De Nicola, primo Presidente della Repubblica Italiana, un nuovo Mosè che scende dal Sinai per recare al popolo le Tavole della Legge; premi speciali per la superiore qualità emblematica e artistica delle loro opere sono stati assegnati dalla giuria a Tommaso Gianno, di San Benedetto del Tronto, e Sergio Ippoliti di Roma.


Per la sezione a tema libero, invece, la giuria ha scelto come vincitore il napoletano Sergio Riccardi, giovane ma già valoroso e autorevole artista, per l’originalità e crudezza del tema proposto (la strage degli animali da pelliccia, non frequentemente né adeguatamente richiamata alla riflessione di tutti), espresso con subliminale efficacia e con rara eleganza pittorica, i cui contenuti satirici, politici e sociali sono peraltro in perfetta aderenza allo spirito del concorso; un premio speciale è andato poi al bergamasco Aldo Bortolotti. Infine, la giuria ha deciso di assegnare un premio straordinario alla trentina Assunta Toti Buratti, autentica “Signora dell’Arte”, non soltanto satirica e umoristica, da lungo tempo impegnata anche nella promozione culturale, per la sua distintiva partecipazione con due opere di pregevole valore artistico, finaliste ad entrambe le sezioni del premio.


A concludere la rassegna di grande successo è stata la simpatica iniziativa “Il loggiato del sorriso”, che questa mattina ha visto tutti i caricaturisti che hanno partecipato al Premio Galantara, tra cui i vincitori Franco Bruna e Sergio Riccardi, all’opera sotto il loggiato del Palazzetto del Podestà: davvero tante le persone che hanno voluto farsi immortalare dalle matite satiriche degli artisti, che con una buona dose di ironia hanno regalato a tutti un bel sorriso.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-07-2008 alle 01:01 sul giornale del 02 luglio 2008 - 1221 letture

In questo articolo si parla di cultura, Comune di Montelupone, montelupone





logoEV