Montelupone: tre opere pubbliche con la finanza di progetto

torrione Montelupone 10/09/2008 - Il piano comunale delle opere pubbliche prevede, oltre ai tanti lavori finanziati con le risorse proprie o ricorso a mutui, tre possibili opere da realizzare con il sistema della finanza di progetto, vale a dire su proposta di imprese idonee disposte a realizzare gli interventi e capaci di remunerarsi attraverso la gestione delle stesse.

1) Restauro del torrione medievale e riqualificazione urbana dell\'area adiacente (foto). Il Comune è proprietario del pregevole torrione del XIV secolo, degli edifici e dell\'area circostante, siti in c.da Molino, e intende metterli a disposizione di chi abbia le capacità di riqualificare e gestire il bene, attraverso una convenzione a lungo termine.



2) Completamento del Civico Cimitero. L\'opera consiste nel completamento della edificazione prevista nel Civico Cimitero, consistente nella costruzione di loculi, ossari e cappelline da mettere a disposizione delle necessità dei privati, secondo le tariffe vigenti.



3) Costruzione e gestione di un asilo nido. A proposito di quest\'ultima opera, occorre ricordare che in passato il nostro Comune è stato promotore di un progetto di asilo nido interaziendale, capofila l\'azienda Teuco, finanziato dal Governo, che non si è potuto realizzare per il ricorso opposto da alcune Regioni dell\'Italia centrale sul tema delle competenze esclusive. La finanza di progetto è un\'altra opportunità che viene posta in parallelo con tutte le altre forme di ricerca di risorse nazionali, regionali e comunali, non disdegnando possibili contributi di aziende o cooperative interessate a realizzare l\'edificio e gestire il servizio. Intanto è stata individuata l\'area su cui partire, all\'interno della lottizzazione residenziale in c.da Aneto, in via Martiri delle Foibe, in posizione sopraelevata rispetto alla zona industriale, esterna alle aree di produzione industriale e artigianale, ma vicine e baricentriche ai luoghi di lavoro dei genitori dei bambini (Zona Industriale \"E. Fermi\", Area Pip \"Aneto\", Zona Artigianale Peschiera). Il terreno individuato è di proprietà comunale e viene messo a disposizione senza alcun canone.



Per tutti e tre gli interventi possono essere presentate proposte al Comune, secondo la procedura prevista dalle norme vigenti. Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi alla segreteria comunale.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-09-2008 alle 01:01 sul giornale del 10 settembre 2008 - 865 letture

In questo articolo si parla di attualità, Comune di Montelupone, montelupone





logoEV