San Severino: le linee guida del nuovo piano regolatore

3' di lettura 31/10/2008 - La presentazione delle linee guida per la redazione del nuovo Piano Regolatore Generale sono state l\'unico argomento all\'ordine del giorno del Consiglio comunale di San Severino Marche che è tornato a riunirsi mercoledì 29 ottobre.

\"Per la prima volta - ha spiegato il sindaco, Cesare Martini, in apertura di seduta - un argomento così importante per la nostra città viene affrontato pubblicamente. Contiamo di presentare una bozza del nuovo Prg in Consiglio entro la prossima estate - ha poi sottolineato il primo cittadino, aggiungendo - I tempi sono abbastanza lunghi ma ci siamo voluti muovere con anticipo per ascoltare le proposte e le richieste di tutti. Nella redazione delle linee guida, comunque, l\'Amministrazione comunale non ha voluto metterci solo del suo ma ha raccolto le istanze delle associazioni di categoria, di altre istituzioni, dei cittadini ricercando il coinvolgimento di tutti\".


A spiegare gli indirizzi generali del Piano è stato l\'assessore all\'assetto del Territorio, Massimo Panicari, il quale è intervenuto in Consiglio sottolineando: \"San Severino Marche ha due caratteristiche principali che devono essere preservate ed esaltate: è una città d\'arte, e quindi deve tenere conto di una certa qualità visiva, e deve necessariamente difendere l\'ecosostenibilità del vasto territorio che rappresenta e che copre una superficie di ben 194 chilometri quadrati e 38 frazioni, dove complessivamente vivono oltre 13 mila abitanti. Il nuovo Prg - ha aggiunto l\'assessore - dovrà essere redatto tenendo conto di alcune considerazioni di carattere generali quali lo sviluppo della viabilità urbana ed extraurbana attraverso la razionalizzazione dell\'esistente, la previsione di nuovi parcheggi, il recupero dell\'area ex Gil, l\'ampliamento della SP 361 San Severino - Castelraimondo, la realizzazione della bretella San Severino - Tolentino, la realizzazione della variante del Glorioso. Ma nel nuovo Prg ci si occuperà anche di individuare un\'area da destinare a polo sportivo nelle dirette vicinanze del capoluogo, della ricucitura del tessuto urbano del capoluogo con l\'individuazione di zone di completamento su aree libere da destinare, ove necessario ed opportuno, ad aree per attrezzature pubbliche, infrastrutture, verde, parcheggi. Inoltre si punterà sull\'espansione di aree per insediamenti produttivi lungo l\'asse della strada provinciale 361 con accorpamento delle aree in località Col otto e Caruccio attraverso opportuni by pass viari. Nel documento finale - sempre secondo gli auspici dell\'Amministrazione comunale - si procederà da ultimo alla definizione delle aree ad alto valore turistico, come l\'area collinare intorno ai nuclei urbani di Elcito, Pitino, Chigiano, e a quella di aree per la realizzazione di impianti destinati a fonti rinnovabili quali l\'eolico, il fotovoltaico, le biomasse\".


Dopo la presentazione delle linee guida è seguita un\'ampia discussione in aula al termine della quale il capogruppo Francesco Alesiani ha espresso \"profonda soddisfazione per il metodo con il quale è stato affrontato il primo approccio al Prg. Da tutti gli interventi, compresi quelli della minoranza - ha sottolineato Alesiani - è trasparso anzitutto l\'amore per la città di San Severino Marche e questo, come amministratori ed anzitutto come cittadini, non può che renderci felici\".


C\'è un gruppo di tecnici dietro alla redazione del nuovo Piano Regolatore Generale della città di San Severino Marche. L\'Amministrazione comunale si è affidata agli architetti Maurizio Scarpecci, Rossella Tassetti, Marcello Santini, al geologo Alessandro Onorati ed all\'agronomo Michela Baiocco. Il team opera di concerto con l\'assessore all\'assetto del Territorio, Massimo Panicari, al dirigente dell\'Area Urbanistica, ingegner Mario Poscia, e con tutti gli altri componenti dell\'ufficio urbanistico.


Secondo una prima valutazione, effettuata dal team di esperti, fra il capoluogo e le frazioni risultano ancora disponibili aree residenziali per complessivi 193.000 metri quadrati ed aree d\'uso terziario e produttivo per complessivi 756.000 metri quadrati. Nel solo capoluogo sono ancora liberi circa 126.000 metri quadrati per edizilia residenziale e 746.000 metri quadrati da destinare al commerciale. Nelle frazioni rimangono 67.700 metri quadrati disponibili da destinare alla residenzialità.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 31-10-2008 alle 01:01 sul giornale del 31 ottobre 2008 - 1356 letture

In questo articolo si parla di attualità, san severino marche, Comune di San Severino Marche





logoEV