Tolentino: l\'assessore allo sport Seri sulla mancata assegnazione delle Olimpiadi provinciali

11/11/2008 - In riferimento a quanto apparso sulla stampa mi sembra doveroso precisare che le tante confuse affermazioni fatte dalla Minoranza poco hanno a che fare con la reale situazione cittadina della cultura e dello sport. Ancora una volta, non sono riusciti a centrare la questione parlando di tutto, dalla serata dedicata a Mario Mattoli alla cittadella dello sport, mischiando argomenti diversi, partendo dalla mancata assegnazione alla nostra città delle Olimpiadi provinciali dello sport.

A tal proposito, complimentandoci con Corridonia, mi sia consentito di precisare il fatto che ci sono del tutto sconosciuti i criteri di valutazione adottati dal Coni di Macerata. Se è vero, però, che Corridonia è stata scelta solo ed esclusivamente per la capienza della tribuna e per gli schermi giganti dell\'ippodromo, noi certamente non avremmo avanzato la nostra candidatura, che invece ci è stata richiesta e caldeggiata da più parti. Con tutto il rispetto per Corridonia e Matelica, il Comune di Tolentino non fa da sparring partner a nessuno e se si preferisce lo spettacolo della serata inaugurale agli eventi sportivi, probabilmente qualcuno ha perso di vista i veri obiettivi di una manifestazione così partecipata che ha, quale suo punto di forza, la promozione alla pratica sportiva.


Se avessimo saputo che tra i criteri fissati dal Coni c\'era anche quello dell\'ippodromo, che la nostra città non ha, sicuramente non avremmo avanzato nessuna istanza. Tolentino non è seconda a nessuna né per numero e risultati delle tante associazioni sportive, né tanto meno per l\'impiantistica sportiva, forse tra le più complete della provincia. Nel progetto presentato, l\'Amministrazione Comunale si impegnava anche economicamente per sostenere una manifestazione che continuiamo a ritenere importante e valida. Certo è che con questa selezione delle candidature si è voluto creare una rivalità, certamente poco edificante e positiva, tra i comuni, che sicuramente, non aiuta le olimpiadi.


Tornando a quanto affermato dalla Minoranza, mi sarei aspettato che fosse stato almeno riconosciuto il grande numero di eventi che il mio assessorato ha promosso sia nel 2007 che nel 2008, le tante mostre, concerti, spettacoli, presentazioni che hanno richiamato il pubblico delle grandi occasioni e che certamente hanno dato nuova vitalità alla nostra vita culturale, oltre alle tante manifestazioni sportive ospitate che, in diverse occasioni, hanno fatto registrare il tutto esaurito nelle strutture ricettive cittadine. Salvaguardando il diritto di critica, va detto che generalmente sbaglia chi fa e non chi rimane solo a guardare a braccia conserte. Anche sulla questione della mancata assegnazione delle olimpiadi provinciale sarebbe stata più efficace una difesa unitaria sulla nostra candidatura che non semplici e pretestuose polemiche.


Massimo Marco Seri Assessore alla Cultura e Sport





Questo è un articolo pubblicato il 11-11-2008 alle 01:01 sul giornale del 11 novembre 2008 - 870 letture

In questo articolo si parla di


Anonimo

é probabile che per quanto riguarda il calcio la città di Tolentino sia tra le più attrezzate in provincia. Ma trovandosi all\' interno dello stadio della vittoria è sufficiente dare uno sguardo intorno e gettare l\' occhio fuori da quello che è il rettangolo di gioco per capire quanto sia sottovalutato e ignorato il mondo dell\' atletica leggera. Sarebbe opportuno sistemarlo , possibilmente \"usando la testa\", cioè evitando lo stesso criterio con il quale sono state ricostriute le pedane. Personalmente ritengo stupido utilizzare sabbia di mare con tanto di conchiglie e forchette per il salto in lungo, per il semplice motivo che al minimo contatto con l\'acqua quello che è già un mediocre \"cuscino\" diventa cemento.Una numerosa e competitiva società di atletica potrebbe anche esistere, come è già stato in passato.

Anonimo

help!! sistemate lo stadio della vittoria... è distrutto e rappresenta una spreco e una manncanza di rispetto verso la regina delo sport che è l\'atletica.