Imprese cooperative: oltre 30 mila soci in provincia

16/11/2008 - Nel corso della Conferenza provinciale della cooperazione che si è svolta a Civitanova Marche, Fabrizio Luciani ha presentato i risultati di un rapporto di ricerca condotto dalla società di consulenza e formazione \"Partner\" per conto delle Centrali cooperative. Ad oggi la cooperazione maceratese conta 308 società cooperative, di cui il 69% aderente alle quattro Centrali: Agci, Confcooperative, Legacoop, Unci.

I soci nel complesso (compresi i 7.749 delle Banche di credito cooperativo) sono stimati in oltre 30.500. Gli addetti occupati sono più di 3.000 tra soci e dipendenti. 600 sono stati i nuovi posti di lavoro creati negli ultimi quattro anni, periodo in cui anche la dimensione media delle cooperative è ulteriormente aumentata (da 12,5 a 15,5), a dimostrazione della loro capacità di crescere per aggregazione, in una realtà territoriale come quella maceratese, storicamente caratterizzata da imprese piccole e piccolissime. Le cooperative operano principalmente nei settori dei servizi sociali, dei servizi ala persona, delle attività manifatturiere e del commercio (comprese le cooperative agricole che commercializzano i prodotti dei propri soci).


La distribuzione territoriale vede il maggior numero di imprese cooperative a Macerata (119). Seguono: Civitanova Marche (44), San Severino Marche (19), Tolentino(15), Recanati (15), Cingoli (13), Corridonia (13), Matelica (12), Camerino (11), Porto Recanati (11), Potenza Picena (11), Montecassiano (10).

La terza Conferenza provinciale della cooperazione è stata l\'occasione per presentare da parte delle Centrali Cooperative una proposta alla Provincia e alla Camera di Commercio di Macerata per la sottoscrizione di un Protocollo d\'intesa finalizzato a lavorare concretamente insieme su alcuni progetti. Gli obiettivi principali, illustrati nel documento presentato, sono: promozione e sviluppo della presenza cooperativa; fondi per la ristrutturazione finanziaria-economica-patrimoniale e per gli investimenti; nascita di nuove cooperative sulla base di azioni integrate di supporto, formazione e tutoraggio orientate all\'innovazione, consolidamento e sviluppo mediante forme di aggregazione e/o attorno a cooperative leader. Inoltre è stata proposta la istituzione di un osservatorio provinciale sugli appalti, finalizzato a monitorare e garantire la congruità delle condizioni con tutte le normative e raccomandazioni in materia di tariffe, contratti di lavoro, tempi di pagamento ed altro, evitando conseguentemente le gare al massimo ribasso.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-11-2008 alle 01:01 sul giornale del 17 novembre 2008 - 625 letture

In questo articolo si parla di attualità, macerata, provincia di macerata