Tolentino: numerosi gli oggetti smarriti

oggetti smarriti 1' di lettura 11/02/2009 - Il Comando di Polizia Municipale di Tolentino comunica che, nel corso degli anni intercorsi tra il 1979 ed il 2006, il Comune è divenuto depositario di numerosi beni sequestrati nel contesto di procedimenti amministrativi e di molte cose rinvenute e consegnate al Sindaco, a norma dell’art. 928 codice civile, per il tramite dell’Ufficio di Polizia Municipale.

Tutti questi beni, la maggior parte dei quali obsoleti e non più riutilizzabili, occupavano inutilmente gli spazi all’interno dell’Ufficio di Polizia Municipale ed i locali di proprietà comunale, tra cui il Politeama Piceno.


Essendo scaduto ogni termine utile per rivendicare la proprietà o la restituzione di queste cose, con recenti provvedimenti, il Comune ha provveduto ad acquisirli per destinarli alla distruzione o alla devoluzione ad associazioni senza scopo di lucro o ai servizi comunali o per la vendita in stock.


Mediante tale operazione è stato possibile acquistare per la Casa di Riposo lenzuola, asciugamani, tovaglie, maglioni, posate, fazzoletti, scope per pavimenti, panni da cucina, spugne da bagno, bigiotteria. Inoltre sono state acquistate per l’Ufficio Tecnico numerose pelli sintetiche per la pulizia degli automezzi.


Tutti i mezzi a due ruote, biciclette e motorini, del tutto obsoleti ed alcuni oggetti in oro sono stati venduti in stock. Numerosi cellulari, giacche, giacconi, giubboni e jeans sono stati invece devoluti ad associazioni locali di volontariato.






Questo è un articolo pubblicato il 11-02-2009 alle 22:12 sul giornale del 11 febbraio 2009 - 1056 letture

In questo articolo si parla di attualità, polizia, tolentino, simone baroncia, oggetti smarriti





logoEV