Castelraimondo: un decalogo ai cittadini per la gestione del verde

giardino 21/02/2009 - Un decalogo per una corretta gestione del territorio e delle aree verdi di pertinenza dei privati, è stato inviato dall\'amministrazione comunale a tutte le famiglie, per chiedere la loro collaborazione, al fine di diminuire i danni causati dal maltempo.

\"Siamo convinti che una corretta gestione del territorio sia fondamentale per diminuire allagamenti e piccoli smottamenti, che negli ultimi anni hanno assunto sempre più spesso carattere eccezionale - ha detto il sindaco Luigi Bonifazi - per questo la collaborazione di tutti i cittadini è essenziale per evitare l\'erosione superficiale dei terreni, con trasporto nella sede viaria di fango, arbusti e detriti\".


Già lo scorso anno è stato preparato un protocollo d\'intesa, con alcune associazioni degli agricoltori che stabiliscono impegni reciproci nella manutenzione del verde, ciascuno per la parte di propria competenza. Il \"decalogo\" inviato alle famiglie è utile per mettere in atto alcuni accorgimenti, per la gestione delle proprietà personali: nell\'aratura dei terreni agricoli mantenere almeno un metro di distanza dai confini; realizzare fossi di guardia nei terreni a monte, lungo le strade comunali, convogliando le acque verso fossi naturali oppure verso i tombini, cercando di frazionare le acque in vari punti; nei campi coltivati realizzare fossi per limitare il ruscellamento naturale e di conseguenza il trasporto di fango;


provvedere alla manutenzione delle scarpate stradali anche con il taglio attento degli arbusti, perchè spesso la proprietà comunale è limitata alla sola sede stradale; cercare di convogliare le acque delle abitazioni su fossi pubblici o nella fognatura pubblica, per le aree edificate; mantenere le aree verdi private o terreni non edificati in condizioni decorose, allontanando quei materiali che in caso di maltempo possano costituire potenziale pericolo; potare periodicamente le piante che fronteggiano le vie e le aree pubbliche per evitare situazioni di pericolo, in caso di rottura accidentale di rami; segnalare al Comune eventuali situazioni di disagio o pericolo.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-02-2009 alle 12:34 sul giornale del 21 febbraio 2009 - 609 letture

In questo articolo si parla di cronaca