Un mondo nuovo: primo forum sull’innovazione con intervista a Oliviero Toscani e Irene Pivetti

sani sagripanti 2' di lettura 01/04/2009 - Di fronte al terremoto economico e finanziario che sta scuotendo le vite di tutti, l’Università di Macerata, Confindustria Macerata e l’Istao di Ancona reagiscono riunendo uomini e donne del mondo della ricerca, rappresentanti dell’imprenditoria, personaggi del mondo della comunicazione, esponenti politici e delle istituzioni nel primo forum sull’Innovazione nell’industria, nella formazione, nella comunicazione.

“Il mondo nuovo” - questo il titolo del convegno organizzato con il sostegno della Banca Popolare di Spoleto e il supporto organizzativo di Mirus Marche comunicazione - si svolgerà giovedì prossimo, 2 aprile, nell’Auditorium San Paolo di Macerata.

Sono previsti gli interventi di Roberto Sani, rettore dell’Università di Macerata, Gianmario Spacca, governatore della Regione Marche, Giulio Silenzi, presidente della Provincia di Macerata, Claudio Sagripanti, presidente della Fondazione Elios, Francesco Stellacci, professore di scienza dei materiali al Mit di Boston, Benedetta Giovanola, ricercatrice dell’Ateneo maceratese, Giorgio Lodi ceo della Publicis, Alessandro Guzzini, amministratore delegato della FinLabo sim, Gianmarco Gabrieli consigliere delegato dell’azienda I Pinco Pallino, Franco Moschini, presidente di Poltrona Frau Group, e Mario Baldassarri, presidente della Commissione Finanza e Tesoro del Senato.

L’idea del Forum sull’Innovazione nasce dalla volontà di guardare oltre l’attuale momento di difficoltà, facendo luce su gli angoli più vivaci del “fare innovazione”: la ricerca, le idee imprenditoriali di successo, i nuovi percorsi della comunicazione. E’ un modo “recuperare le energie che hanno prodotto quell’economia “buona” che tutti conoscevamo e conosciamo – spiegano gli organizzatori - e per creare i giusti antidoti contro quanto di tossico fin qui prodotto, per prepararci, infine, ad un futuro diverso e aprirci a un mondo nuovo.


Sarà sicuramente un mondo nel segno dell’innovazione continua, dentro e fuori le imprese, dove ci sarà più spazio per la ricerca e i suoi attori, per una formazione più legata all’antica saggezza del “saper fare facendo”, per il merito a partire da scuole e università, per il talento imprenditoriale di sperimentare nuove forme di comunicazione, e non solo economica o di prodotto, ma anche sociale”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-04-2009 alle 17:40 sul giornale del 01 aprile 2009 - 947 letture

In questo articolo si parla di cultura, università, macerata, università di macerata





logoEV