Recanati: in manette un 27enne clandestino, ricercato da mesi

arresto 1' di lettura 07/04/2009 - In manette per diversi reati tra i quali rissa, sequestro di persona, rapina, porto abusivo di armi e lesioni personali un tunisino clandestino.

I Carabinieri di Porto Recanati, collaborati dai colleghi di Recanati, hanno arrestato S.A., tunisino di 27 anni, clandestino. L\'uomo, rintracciato a Recanati in compagnia della propria compagna e di altri connazionali, era da tempo ricercato per reati sul litorale.


Nei mesi scorsi, infatti, si era reso partecipe di episodi delittuosi di una certa gravità, ma proprio grazie al suo status di clandestino l\'aveva aiutato a rendersi irreperibile. Gli investigatori però, dopo attente ricerche, la notte scorsa, lo hanno arrestato per diversi reati, tra i quali rissa, sequestro di persona, rapina, porto abusivo di armi e lesioni personali. S.A. di 25 anni, che si trova ora nel carcere di Ancona a disposizione della competente Procura maceratese, dovrà rispondere per i suddetti reati risalenti al febbraio- marzo 2009.


Agli inizi del mese di febbraio 2009, inizialmente a Porto Potenza PIcena e quindi a POrto Recanati, spalleggiato dalla compagna, aveva bloccato un connazionale in auto e, dopo averlo minacciato e ferito lievemente con un coltello, si era fatto consegnare il denaro e altri oggetti per oltre mille euro. La compagna, regolare nel territorio nazionale, dovrà quindi rispondere di concorso nei medesimi reati del febbraio 2009.


Ma, per il 27enne non è tutto. Nel mese di Marzo dello stesso anno, lo stesso aveva partecipato anche ad una rissa a Porto Recanati, nel condominio \'Hotel House\' dove alcuni avevano riportato lesioni ed uno era stato rapinato del portafogli contenente circa 700 euro.






Questo è un articolo pubblicato il 07-04-2009 alle 17:42 sul giornale del 07 aprile 2009 - 812 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, clandestino, recanati, porto recanati, arresto, Sudani Alice Scarpini