Camerino: chiude la terza edizione del Master sulle energie rinnovabili

Unicam 1' di lettura 18/04/2009 - Si concluderà lunedì 20 Aprile 2009 la terza edizione del Master in “Produzione, Utilizzazione e Gestione di Energie da Fonti Rinnovabili”.I quattordici studenti iscritti, provenienti da diverse regioni, presenteranno pubblicamente i lavori relativi alla progettazione di impianti solari (termici e fotovoltaici) e di soluzioni architettoniche ecosostenibili per il risparmio energetico, svolti durante il loro periodo di stage presso aziende, enti e  studi di progettazione. 

Per alcuni di loro, tale esperienza si è già trasformata in una proposta concreta di lavoro nel settore delle energie rinnovabili. A chiusura di tutte le attività, il dott. Pasquale Amodeo in rappresentanza della Banca Popolare di Ancona consegnerà premi da 1000 euro ciascuno a 3 degli studenti più meritevoli, che durante l’intero corso si sono particolarmente distinti per impegno e profitto.


“Sia pure nelle difficoltà che attraversa l’economia in questo periodo\", sottolinea il dott. Nicola Pinto, direttore del master \"il settore delle rinnovabili continua a crescere a ritmi relativamente sostenuti. L’interesse per il master da parte di professionisti e neo-laureati è sempre elevato con continue richieste di informazioni sull’attivazione di una nuova edizione del master”.


Per questa terza edizione, diverse aziende hanno sostenuto l’iniziativa: Renergies Italia S.p.A., EDIF Holding e l’azienda municipalizzata di Tolentino (ASSM). Anche l’ENEA e l’assessorato all’ambiente della Provincia di Macerata hanno patrocinato il master.


Questo continuo e costante interesse verso le tematiche energetiche ed ambientali e gli ottimi riscontri avuti dal settore occupazionale, hanno spinto l’Università di Camerino ad organizzare una quarta edizione del master (http://masterenergie.unicam.it) con il patrocinio di aziende ed enti di ricerca operanti nel settore energetico.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-04-2009 alle 17:22 sul giornale del 18 aprile 2009 - 815 letture

In questo articolo si parla di