Castelraimondo: le classi della Strampelli in opera con \'Puliamo il mondo\'

28/09/2009 - Netturbini per un giorno e con grande successo. Così la quarta e la quinta A e B della scuola elementare dell\'Istituto comprensivo Strampelli di Castelraimondo, venerdì 25 settembre hanno partecipato a “Puliamo il mondo”, la campagna di volontariato ambientale organizzata da Legambiente, che ogni anno raccoglie l\'adesione di cittadini e volontari per ridare un aspetto migliore ad una parte della natura che ci circonda.

Armati di guanti, cappello e pettorina gialla griffati “Legambiente”, gli alunni si sono aggirati per due ore, suddivisi in piccoli gruppi, tra Piazza Dante ed i giardini pubblici, accompagnati dai loro insegnanti, salutati dal vicesindaco Marinelli, dagli assessori Cesanelli e Gregori e dalla presidente del consiglio comunale Savi.


Alla fine il “bottino” è stato sostanzioso, una decina di sacchi neri di media dimensione, ripieni di un\'ampia fattispecie di oggetti: il più inquietante una siringa, trovata ai giardini, oltre ad innumerevoli cartacce, bottiglie di birra e liquori vuoti, una di vino piena, lattine, fazzoletti, scontrini, un bel pannolone da bambino, pezzi di vetro, bicchieri di carta, accendini di cui uno funzionante, braccialetti, alcune palline, un cucchiaino, un gramde pezzo di legno, le gambe di un tavolo.


Moltissimi, gli oggetti ben nascosti, trovati tra le siepi dei giardini, ma soprattutto tra le aiuole della piazza, ben nascosti alla vista, quasi fossero dei preziosi reperti da preservare. Lo sguardo curioso dei bambini, la loro energia e vitalità non l\'hanno data vinta all\'inciviltà di tanti adulti, che spesso colpevolmente trascurano la norma ovvia di buon senso ed educazione, che vuole che i rifiuti si debbano gettare nell\'apposito cestino e non in altri luoghi, deputati all\'uso comune per cui è necessario mantenerli in uno stato di pulizia e decoro.


Il loro lavoro instancabile ha ridato un aspetto dignitoso a queste due zone, che sono il cuore del paese, frequentate ogni giorno anche da tantissimi bambini. La mattinata all\'aperto è stata preceduta da una settimana di lavoro in classe, dove gli scolari hanno approfondito il concetto di rispetto, per se stessi, gli altri e l\'ambiente.


“Ci siamo divertiti molto – hanno raccontato gli alunni al termine della mattinata – ci siamo meravigliati che ci potessere essere così tanto sporco nascosto”. “Soprattutto nelle aiuole di piazza Dante – hanno spiegato – erano nascosti molti oggetti, di cui alcuni pericolosi anche per i bambini, mentre alcuni cestini per i rifiuti erano vuoti”.


Ha destato preoccupazione il ritrovamento della siringa e la presenza di pezzi di vetro tra la sabbia della pista del salto in lungo all\'esterno della scuola media. Dal successivo dibattito in classe, è emerso come i bambini siano molto più consapevoli di tanti adulti, delle conseguenze sull\'ambiente di un comportamento scriteriato, tenuto da tanti adulti.


Conoscono bene i rischi del cambiamento climatico, la possibilità di riciclare i rifiuti, consapevoli che l\'ambiente è di tutti e merita rispetto. Ricordiamocelo.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-09-2009 alle 17:05 sul giornale del 29 settembre 2009 - 875 letture

In questo articolo si parla di attualità, legambiente, castelraimondo, comune di castelraimondo, puliamo il mondo