Corridonia: al teatro Velluti, Pene d\'amor perdute di William Shakespeare

teatro 3' di lettura 03/12/2009 - Pene d\'amor perdute di William Shakespeare interpretato da Marina Suma e Stefano Artissunch, in scena sabato 5 dicembre, è il secondo appuntamento del cartellone del Teatro Velluti di Corridonia realizzato dal Comune di Corridonia e dall’AMAT con il contributo di Regione Marche e Ministero Beni e Attività Culturali.

Con Pene d’amor perdute prende avvio anche Scuola di platea , progetto di formazione del pubblico che ha l’obiettivo di arricchire l’esperienza del fatto teatrale attraverso approfondimenti e incontri con i protagonisti della scena. L’iniziativa curata da Amat in collaborazione con il Comune di Corridonia e il corso di Storia del Teatro della facoltà di Lingue e Letterature Straniere dell’Università di Urbino “Carlo Bo” nasce al fianco della tradizionale stagione di prosa e ne sviluppa i contenuti. Incontrare attori e registi è un’esperienza spesso indimenticabile, un’occasione per confrontarsi, scoprire curiosità e dare un senso diverso alla visione dello spettacolo.

Il primo appuntamento è il 5 dicembre alle ore 18 a Palazzo Persichetti con l’incontro con la compagnia dal titolo “Aspettando Pene d’amor perdute”.

Commedia esilarante e fra le più divertenti di William Shakespeare Pene d’amor perdute racconta in scena le vicende di un gruppo di giovani nobili spagnoli alle prese con altrettanto giovani donne francesi. Ferdinando re di Navarra e i suoi nobili amici hanno fatto giuramento di dedicarsi esclusivamente allo studio per tre anni. È quindi negata, per loro, la frequentazione di compagnie femminili.

Improvvisamente, inviata dal vecchio padre, giunge a corte la figlia del re di Francia con le sue dame di compagnia. Di cui gli spagnoli si innamorano subito. Non appena Ferdinando e gli altri rivelano i loro sentimenti alle ragazze, però, arriva la notizia della morte del sovrano di Francia e le dame devono tornare in patria. Compresa la sincera natura del sentimento dei nobili spagnoli, queste li mettono alla prova e gli chiedono di farsi eremiti per un anno. Solo allora, se il proponimento sarà rimasto immutato, acconsentiranno alle loro profferte. Amore e linguaggio sono i protagonisti di questa commedia che descrive con stupefacente analisi psicologica i labirinti del corteggiamento amoroso. Un linguaggio dinamico e festoso, acuto e che si impone in modo ironico, amalgama i colori della più colta dialettica. Un linguaggio mai così attuale, oggi che, storditi di parole e di contraddizioni, confondiamo e ci confondiamo fra reale e virtuale.

Il cast vede, assieme a Marina Suma e Stefano Artissunch, gli attori Alessia Bedini, Stefano Tosoni, Stefano De Bernardin, David Quintili e Gian Paolo Valentini. La regia è di Stefano Artissunch e lo spettacolo è prodotto dalla compagnia marchigiana Synergie Teatrali insieme al Teatro Ventidio Basso di Ascoli Piceno e in collaborazione con Amat.


Informazioni e biglietti (da 14 euro a 18 euro): biglietteria del Teatro Velluti 0733 431769.

Inizio spettacolo ore 21.15.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-12-2009 alle 16:50 sul giornale del 04 dicembre 2009 - 696 letture

In questo articolo si parla di teatro, spettacoli, amat marche, teatro velluti





logoEV