Neve d'aprile nell'alto maceratese

neve 1' di lettura 11/04/2010 - Colpo di coda dell'inverno, ieri con la neve caduta in montagna sin dal mattino, scesa fino a quote basse nel pomeriggio, con i fiocchi sino a 300 metri.

Se "la neve marzolina dura dalla sera alla mattina", quella di aprile non è da meno, ma vedere la neve scendere copiosa nel cuore della primavera è una bizzarria meteorologica che lascia sorpresi.


Dalle prime ore del mattino il manto bianco è tornato a crescere in montagna, dove però gli impianti sciistici sono tutti chiusi, perchè la stagione si è ufficialmente conclusa il 5 aprile. La neve di ieri è stata quasi una beffa per gli operatori, alle prese con una stagione appena archiviata da ricordare solo per negatività, con circa una quindicina di giorni utili al lavoro, ed un bilancio molto negativo per gli amanti dello sci.


L'improvvisa caduta di neve quasi a metà aprile, è dovuta al distacco di una bolla d'aria instabile da un'area depressionaria proveniente dal Nord Europa, con l'aria fredda che dalla Lapponia riesce ad arrivare direttamente sul corridoio adriatico, grazie ad una zona di alta pressione tra Inghilterra e Norvegia. Nei prossimi giorni, la situazione meteo si manterrà instabile, con i valori delle temperature leggermente inferiori alla media del periodo.






Questo è un articolo pubblicato il 11-04-2010 alle 17:10 sul giornale del 12 aprile 2010 - 495 letture

In questo articolo si parla di attualità, monia orazi





logoEV