Pievebovigliana: seconda Festa dell’Oasi al lago Enel di Polverina

lago Enel di Polverina 2' di lettura 11/05/2010 - Secondo appuntamento per gli amanti della natura nell’Oasi intorno al lago Enel di Polverina, un bacino idroelettrico costruito alla fine degli anni ’60 del secolo scorso lungo il corso del fiume Chienti per valorizzare la risorsa energetica dell’acqua.

Intorno ad esso si è definito un sistema ambientale particolarmente favorevole allo sviluppo di essenze vegetazionali e all’insediamento di specie faunistiche che hanno portato ad identificare il lago come il fulcro di una grande oasi naturalistica.

In particolare nel lago Enel di Polverina e nel territorio circostante, è possibile osservare la presenza, a seconda delle stagioni, di varie specie migratorie e stanziali come: la garzetta, il cormorano, l’airone cenerino, lo svasso maggiore e tante altre specie, alcune delle quali nidificano nell’oasi. In primavera il territorio diventa area di sosta per diverse specie di rapaci e di altri uccelli protetti.

Nelle giornate di sabato prossimo, 15 maggio, e domenica 16 maggio, la Cooperativa Alcina e Legambiente Marche hanno organizzato in collaborazione con la Provincia di Macerata, l’Ente Nazionale Monti dei Sibillini, la Comunità Montana di Camerino, i Comuni di Pievebovigliana e Fiastra, la Regione Marche e varie associazioni e centri di educazione ambientale la seconda Festa dell’Oasi di Polverina con il contributo e la collaborazione di Enel che aprirà al pubblico, per visite guidate, la centrale idroelettrica di Valcimarra.

La centrale Enel di Valcimarra, il più grande impianto idroelettrico delle Marche, con i suoi circa 60 milioni di kWh di producibilità media annua, è in grado di soddisfare il fabbisogno di energia elettrica di circa 20.000 famiglie; in pratica assicura ogni anno una produzione di energia rinnovabile che consente di evitare l’immissione in atmosfera di quasi 50 milioni di chilogrammi di anidride carbonica (CO2).

L’attuale potenza e producibilità della centrale Enel di Valcimarra risalgono al 1967, anno in cui venne installato il gruppo turbina alternatore della potenza di 14,5 MW, che viene alimentato dalle acque del fiume Chienti transitoriamente invasate, per fini energetici, nel lago Enel di Polverina. Il lago e l’oasi di Polverina si trovano lungo la Strada Statale Val di Chienti tra Foligno e Macerata nel territorio dei comuni di: Pievebovigliana, Fiastra e Camerino.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-05-2010 alle 19:55 sul giornale del 12 maggio 2010 - 649 letture

In questo articolo si parla di attualità, Enel Marche-Umbria