Marangoni: la sinistra anzichè occuparsi del popolo difende la lobby massonica

enzo marangoni 2' di lettura 15/05/2010 - "Sapere se coloro che rappresentano il popolo, nelle istituzioni locali appartengano o meno alla massoneria è una questione di trasparenza e rispetto nei confronti dei cittadini, a cui chi amministra deve rendere conto del proprio operato".

E’ questa l'unica ragione che ha spinto la Lega Nord a presentare la mozione discussa e poi votata dal consiglio provinciale. Non si è trattato di una prova di forza con la maggioranza, di cui siamo e restiamo fedeli alleati, pronti alla discussione ed al confronto su temi e proposte. I valori comuni che ci uniscono non sono venuti meno solo per la presentazione di una mozione che va a mettere a nudo un nervo scoperto, il tabù storico dell’appartenenza ad un ordine che mette al primo posto gli interessi privati, anziché quelli pubblici a cui deve ispirarsi l’azione politica. L’appartenenza ad altre associazioni è pubblica e non congiunta ad un vincolo di fratellanza e di conoscenza sommersa, proprio dell’appartenenza ad una loggia massonica. L’interesse dei cittadini è quello di conoscere, in modo chiaro e semplice se chi li amministra è massone. L’egemonia occulta dei massoni si è perpetrata per secoli, all’interno della cultura dominante ed è ora di farla finita con l’ipocrisia collettiva, di fare finta che questa associazione non esista.

L’azione politica, sociale ed economica effettuata dai massoni è stata per troppo tempo nascosta alla pubblica consapevolezza collettiva e con la nostra mozione si voleva solo porvi rimedio. Riconoscere le istanze di un territorio, affrontare i suoi problemi, parlare chiaro ai cittadini, agire in modo trasparente e pubblico, questi sono per la Lega Nord i principi irrinunciabili del mandato che i cittadini, scegliendo di votarci, ci hanno assegnato. Sorprende che la sinistra, deputata per tradizione a difendere il popolo ed i lavoratori, sia uscita dall'aula facendo mancare il numero legale. Questo suo comportamento mostra come ormai, sia diventata salottiera e radical chic, ed anzichè occuparsi del popolo abbia scelto di difendere la lobby massonica.


da Enzo Marangoni
Capogruppo consiliare Lega Nord in Regione




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-05-2010 alle 17:39 sul giornale del 17 maggio 2010 - 597 letture

In questo articolo si parla di politica, massoneria, lega nord, Enzo Marangoni, Capogruppo consiliare Lega Nord in Regione