54enne trovato in una pozza di sangue, probabile il tentato suicidio

polizia 1' di lettura 19/05/2010 - Probabilmente un tentato suicidio la causa del ferimento di A.R., maceratese di 54 anni, trovato in un lago di sangue sul pavimento della cucina dell'abitazione di contrada Morica dopo il Rione Pace, dove l'uomo viveva con la madre 80enne.

Disperato il tentativo della donna di rianimare il figlio steso sul pavimento dell'abitazione. Il 54enne, colpito da sette o otto coltellate all'altezza dell'emitorace sinistro, è stato trasportato d'urgenza al Pronto soccorso dell'ospedale Civile di Macerata dove è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico.

Ad allertare la Polizia, immediatamente accorsa sul luogo, il fratello dell'uomo che, una volta tornato a casa intorno alle ore 12 di mercoledì, ha trovato la madre intenta a rianimare il 54enne. E sul pavimento, accanto al corpo, oltre il sangue, un grosso coltello da cucina con lama liscia ed appuntita lunga 30 centimetri sporco di sangue.

Nel frattempo che i sanitari sottoponevano il ferito ad intervento chirurgico per limitare i danni dei colpi d'arma da taglio, gli Agenti hanno ascoltato le testimonianze dei due familiari e di un vicino di casa che, secondo la prima ricostruzione, avrebbe visto qualche dettaglio utile alle indagini. Indagini alle quali collaborano anche gli Agenti della Polizia scientifica che ha effettuato i rilievi del caso.







Questo è un articolo pubblicato il 19-05-2010 alle 16:34 sul giornale del 20 maggio 2010 - 545 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia, pronto soccorso, macerata, telefono amico, 118, Sudani Alice Scarpini, polizia scientifica

Leggi gli altri articoli della rubrica fatti tragici