Corridonia: evasione fiscale per mezzo milione di euro, commerciante cinese nei guai

guardia di finanza 1' di lettura 19/05/2010 - H.X., 37enne cinese regolarmente residente a Corridonia, grazie ad uno stratagemma avrebbe nascosto al fisco italiano quasi mezzo milione di euro di entrate. L'uomo, infatti, titolare di un negozio di abbigliamento, emetteva regolarmente lo scontrino fiscale ai clienti con l'importo esatto della merce acquistata ma poi, con un metodo apparentemente insospettabile, annullava l'operazione.

Lo scontrino fiscale emesso in conclusione risultava così con l'importo pari a zero. Sul displey del registratore di cassa però l'importo da pagare compariva esatto quindi, i clienti ignari non avrebbero sospettato di niente. Inoltre il titolare del negozio, per evitare sospetti, nella maggior parte dei casi inseriva direttamente dentro la busta con la merce lo scontrino emesso oppure, in altri casi, emetteva sullo stesso uno sconto. Sconto che rasentava anche il cento per cento dell'importo da pagare.

Uno stratagemma semplice ma molto redditizio per il commerciante cinese che, con questo metodo, era riuscito ad evadere per quasi mezzo milione di euro il fisco italiano. La Guardia di Finanza, controllando gli scontrini fiscali emessi dal 2008 al 2009, è riuscita però a scoprire e ad interrompere la truffa del 37enne. Il commerciante, accusato di evasione fiscale, dovrà ora risarcire lo stato di 430 mila euro di ricavi non dichiarati e 86 mila euro di imposta aggiunta.





Questo è un articolo pubblicato il 19-05-2010 alle 19:44 sul giornale del 20 maggio 2010 - 588 letture

In questo articolo si parla di cronaca, corridonia, guardia di finanza, Sudani Alice Scarpini, evasione fiscale, commerciante





logoEV