Corridonia: aree verdi private, ordinanza per interventi di pulizia

aree verdi 2' di lettura 21/05/2010 - Si comunica che il Sindaco Nelia Calvigioni ha emesso una ordinanza con la quale si ordina ai proprietari e/o conduttori di aree agricole non coltivate, di aree verdi urbane incolte, ai proprietari di villette e agli amministratori di stabili con annesse aree a verde, ai responsabili di cantieri edili e estradali, ai responsabili di strutture artigianali e commerciali con annesse aree pertinenziali, di provvedere ad effettuare i relativi interventi di pulizia a propria cura e spese dei terreni invasi da vegetazione, mediante rimozione di ogni elemento o condizione che possa rappresentare pericolo per l’incolumità e l’igiene pubblica, in particolar modo provvedendo all’estirpazione di sterpaglie e cespugli, nonchè al taglio di siepi vive, di vegetazione e rami che si protendono sui cigli delle strade, mantenendo per tutto il periodo estivo, le condizioni tali da non accrescere il pericolo per l’incolumità e l’igiene pubblica e il pericolo di incendi.

Questi interventi di pulizia dovranno essere comunque effettuati entro e non oltre il 30 giugno 2010, provvedendo correttamente alla rimozione dei rifiuti prodotti e quant’altro possa essere veicolo di incendio o pericolo per l’incolumità e l’igiene pubblica.


Tutti questi interventi dovranno essere effettuati in modo ciclico e/o ogni qualvolta se ne ravvisi la necessità in modo da garantire la perfetta pulizia e manutenzione dei luoghi, al fine di preservare la salute ed il benessere pubblico oltre che l’ordine ed il decoro cittadino. Si ricorda, inoltre che durante il periodo compreso tra il 15 giugno ed il 15 settembre è fatto divieto di accendere fuochi in prossimità di boschi, ad una distanza inferiore a 200 metri o usare apparecchi a fiamma libera o elettrici che producano faville.


Questa ordinanza è stata emessa con l’intento di mantenere l’igiene urbana ed il decoro cittadino, evitando situazioni di degrado ambientale che generano disagio, problemi e che sono fonte di sporcizia che può favorire il proliferare di animali dannosi per la salute pubblica.


Inoltre l’abbandono e l’incuria da parte dei privati di taluni appezzamenti di terreno, ubicati sia all’interno che all’esterno del centro urbano, comporta un diffondersi di vegetazione e sterpaglie che, per le elevate temperature estive, sono causa predominante di propagazione di incendi con conseguente grave pregiudizio per l’incolumità delle persone e dei beni. Pertanto i cittadini sono invitati a collaborare.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-05-2010 alle 17:07 sul giornale del 22 maggio 2010 - 524 letture

In questo articolo si parla di attualità, corridonia, comune di corridonia





logoEV