Pantanetti: 'Un esperto ecologista, perchè tanta fretta?'

giulio pantanetti 2' di lettura 23/05/2010 - Interrogazione a risposta orale su “Delibera 114 del 6 Aprile 2010 – Attivazione dell’istituto del comando nei confronti di dipendente della Regione Marche di Categoria D – funzionario esperto ecologista – agroalimentarista da assegnare al settore attività produttive – trasporti.

Con la delibera 114 viene disposto un comando dalla Regione Marche (nei fatti un trasferimento a tempo determinato, pagato dalla Provincia) di un funzionario con categoria di inquadramento D3, livello economico D5 (la più alta in termini retributivi degli impiegati) di un esperto ecologista – agroalimentarista da assegnare al settore attività produttive – trasporti.

Ora, come viene precisato nella delibera, la programmazione della Provincia non prevede nel caso in questione nessuna possibilità di assunzione, neanche a tempo determinato. Anzi nello specifico settore una professionalità di quel tipo non è stata mai prevista e, in ogni caso, non erano previste assunzioni di sorta.. Non c’è nessuna motivazione dunque per giustificare tale assunzione, benché per ora provvisoria. Nella delibera, però, si fa esplicito riferimento ad un possibile trasferimento definitivo: come dire, proprio perché è una professionalità che non serve assumiamola per sempre. Addirittura siamo di fronte ad un vero e proprio sprint da far invidia all’efficientissima burocrazia asburgica. La domanda è protocollata l’8 Marzo e già da qualche tempo è al lavoro in Provincia. E pensare che nei faldoni dell’ufficio del personale ci sono più di 100 domande di trasferimento! Come mai, bisognerà chiedersi, tanta sollecitudine?

Forse, come si dice nella delibera, bisognerà guardare al curriculum dell’interessato e subito si svela l’arcano. Nei 5 anni passati il dipendente comandato ha lavorato nello staff del gruppo regionale di Forza Italia – Pdll, quale stretto collaboratore dell’allora consigliere regionale Franco Capponi. Caro Assessore è possibile, da un lato, affermare che bisogna risparmiare sulla spesa del personale e, dall’altro, pendere soldi per un posto che non serve? E soprattutto con il forte sospetto che sia stato fatto per un favore ad amico?

Sono a chiedere un’adeguata risposta a quanto ho esposto, precisando i motivi per cui tale assunzione è avvenuta ed impegnandosi ad evitare da subito che qualsiasi mobilità (compresa quella ventilata) possa essere disposta se non per assoluta necessità, solo dopo che siano state verificate le disponibilità alla copertura del personale già in servizio in Provincia e solo a seguito di procedura ad evidenza pubblica.

da Giulio Pantanetti
Consigliere provinciale del PD




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-05-2010 alle 16:24 sul giornale del 24 maggio 2010 - 511 letture

In questo articolo si parla di attualità, macerata, partito democratico, consigliere provinciale, Giulio Pantanetti