Treia: 'In volo sulla mia terra', aperta fino a domenica la mostra di Guido Picchio

3' di lettura 31/07/2010 -

Non è certo un volo di Icaro quello che Guido Picchio ha voluto offrire alla sua terra con la mostra dedicata ai 57 comuni. È così che il suo viaggio In volo sulla mia terra ha saputo dimostrare come davvero un occhio attento può rivelare la bellezza di ciò che in apparenza sembra scontata abitudine, ma che in realtà è meravigliosa unicità: la provincia di Macerata. Librandosi nelle precedenti e apprezzate tappe, Picchio ha consentito anche una vera e propria opera di divulgazione del territorio, ovvero un nuovo modo di conoscere per i più piccoli,ma anche per qualche adulto disattento, che fa delle sue opere un libro d’educazione civica su noi stessi e sulle nostre case; sul vivere le nostre città, che sono poi ciò che abbiamo di più caro.



Il volo oggi, 31 luglio, approda a Treia con la partecipazione soddisfatta del sindaco Santalucia, dei rappresentanti comunali e delle autorità cittadine e religiose. Lo fa come simbolico spartiacque della XXXII Disfida del Bracciale, manifestazione che quest’anno ha raddoppiato i suoi eventi prolungandosi fino all’8 agosto con un determinante sforzo dell’Ente Disfida e della Pro loco Treia (promotrice della cantina dei ricori dal 2 all’8 agosto). Lo fa come pregevole anteprima delle finali tra i quattro quartieri della città della palla al bracciale (domenica 1 agosto) oltre a essere preziosa bussola per i suggestivi vicoli di Treia. Una guida che conduce a quel luogo così centrale, cordone ombelicale del rione Vallesacco verso Piazza della Repubblica, eppur così modestamente celato che è il Vicolo delle Grotte. Alla stregua di un nido, il vicolo concede al pubblico di gustare attraverso le foto un crescendo di emozioni, risalendo uno a uno i 57 comuni della provincia. Un invidiabile vanto che, grazie a Guido Picchio, va ad accrescere il valore dei prossimi appuntamenti della Disfida e ad aggiungersi a un patrimonio di testimonianze ricorrente all’interno della manifestazione.

La fotografia è infatti sempre stata al centro dell’attenzione nella Disfida del Bracciale. Grandi fotografi come Picchio, semi professionisti o amatori si sono alternati nel corso degli anni. La XXXII edizione, in particolare, ha offerto veri momenti di commozione e di ricordo grazie all’impegno costante e sempre presente del locale fotocineclub Il Mulino. Proiezioni in multivisione, a cura della stessa associazione, ha ripercorso nella cornice del Teatro Comunale immagini storiche di Treia e della Disfida, immagini artistiche realizzate dai soci del club che al meglio si uniscono a un volo nell’animo e nel ricordo. Un volo che grazie ad ali dispiegate traccia traiettorie percettibili, prodotto dell’immagine e non solo dell’immaginazione.

"Con la mostra di Guido Picchio, una ulteriore perla va ad arricchire la XXXII Disfida del Bracciale ponendo a disposizione degli innumerevoli visitatori le bellezze della nostra città e di tutti i comuni della nostra Provincia. Luoghi accumunati da molteplici denominatori, dalle linee sinuose delle nostre colline e dalle immagini complessive di paesaggi, architetture e ricchezze artistiche che fanno dei nostri centri storici eccellenze invidiabili non soltanto in Italia. - Dichiara il Sindaco Luigi Santalucia, che conclude - La bellezza dei nostri 57 comuni sono evidenziate anche dalla cospicua presenza nel circuito dei Borghi più belli d’Italia. Circuito in cui Treia è onorata di rappresentare la Provincia e la Regione Marche, contribuendo, così come le pregevoli opere di Picchio, a accrescere la conoscenza e favorire la promozione di un territorio che non ha nulla di invidiare con chi talvolta è soltanto più reclamizzato".








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 31-07-2010 alle 16:46 sul giornale del 02 agosto 2010 - 512 letture

In questo articolo si parla di Comune di Treia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aOu





logoEV