Unità d'Italia: concorso scolastico bandito dalla Provincia

bandiera italiana 3' di lettura 20/12/2010 -

“Lo sguardo dei giovani d’oggi sull’Italia unita, tra senso storico e significato futuro”. E’ questo il tema del concorso scolastico che la Provincia di Macerata ha bandito nell’ambito delle iniziative per la celebrazione del 150° dell’Unità d’Italia, che cade nel 2011.



Si tratta di un concorso a premi che – come si legge nelle delibera adottata dal Commissario prefettizio – vuole gratificare la fantasia ed il talento degli studenti che sapranno dar vita ad un’opera dedicata all’argomento, sotto forma di: elaborato scritto in forma di “saggio breve” o “elaborato grafico artistico” o “poesia” rappresentativi del tipo e dell’ordine della Scuola partecipante.

Il bando, indirizzato alle scuole di ogni ordine e grado della provincia di Macerata, è articolato su tre categorie: scuola primaria, scuola media e scuola superiore. Per tutte le categorie il concorso indica tre tracce ispirate ad altrettanti testi o discorsi di noti storici e giuristi. La prima traccia, suggerita dal recente libro “Salviamo l’Italia” di Paul Ginsborg è incentrata sul “sentimento di identità nazionale, ieri ed oggi”. Scrive l’autore. “I patrioti ottocenteschi avevano un forte sentimento di unità nazionale, inteso come unità linguistica, geografica e culturale, ma non avevano uno stato… oggi gli italiani hanno uno stato, ma scarso senso della nazione”.

La seconda traccia, ispirata al saggio di Maurizio Ridolfi “Risorgimento” in “I luoghi della memoria” a cura di Mario Isnenghi, ha per argomento “Storia al plurale per un’unica nazione” ed è incentrata su questa frase dell’autore: “Nella rilettura della storia del Risorgimento tornano i dilemmi, tuttora irrisolti, delle storie plurali che concorsero a “fare gli italiani”; nel Mezzogiorno già borbonico e ancor prima crogiolo di civiltà mediterranee così come nel Settentrione già asburgico e pervaso di più antiche tradizioni di autonomismo municipale. Attraverso quali storie e secondo quale approccio allora ripensare le memorie risorgimentali?”.

L’ultima traccia del concorso, dal titolo “Dal Risorgimento alla Costituzione”, è ricavata dal “discorso agli studenti milanesi” di Pietro Calamandrei del 1955 e più precisamente da questa frase del giurista e uomo politico fiorentino: “In questa Costituzione c’è dentro tutta la nostra storia, tutto il nostro passato, tutti i nostri dolori, le nostre sciagure, le nostre glorie: son tutti sfociati qui negli articoli. E a sapere intendere dietro questi articoli, ci si sentono delle voci lontane…..”.

Il montepremi per i primi classificati ammonta a seimila euro da erogare in buoni spesa a favore delle scuole per viaggi d’istruzione nei luoghi significativi per la ricorrenza dei 150 anni dell’Unità d’Italia. Inoltre per i secondi e terzi classificati di ogni categoria sono previsti premi in libri e sussidi didattici.

Gli elaborati dovranno essere presentati alla Provincia entro il 7 marzo. Sul sito internet www.provincia.mc.it sono scaricabili il bando e il modulo di partecipazione.






Questo è un articolo pubblicato il 20-12-2010 alle 17:52 sul giornale del 21 dicembre 2010 - 465 letture

In questo articolo si parla di attualità, macerata, provincia di macerata

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/fGm





logoEV