Officina Universitaria: 'il Rettore offende le Istituzioni studentesche'

Gentjan Preci| Andrea Tonnarelli 2' di lettura 17/02/2011 -

Nella giornata d’inaugurazione dell’Anno Accademico 2010/2011 dell’Università degli Studi di Macerata, Officina Universitaria esprime la propria contrarietà nei confronti delle scelte del Rettore che hanno gravemente offeso e sminuito le prerogative del massimo organo di rappresentanza studentesca, il Consiglio degli Studenti.




Dapprima il Rettore Luigi Lacchè ha d’autorità imposto il nome del signor Carlo Bruno Ortenzi quale relatore in rappresentanza degli studenti maceratesi per l’evento inaugurale. Tale scelta non è condivisibile sia perché Ortenzi non è titolato a rappresentare gli studenti maceratesi in quanto eletto in un organo nazionale come il CNSU attraverso un collegio interregionale, sia perché cosi facendo si è esautorato il Consiglio degli Studenti, massimo organo di rappresentanza studentesca d’Ateneo, il quale non è stato affatto consultato nel merito di questa scelta rettorale. Inoltre, non soltanto il Rettore si è mostrato indifferente alle obiezioni dei rappresentanti eletti di Officina Universitaria, ma come ulteriore forma di offesa nei confronti delle Istituzioni studentesche regolarmente elette, ha permesso che prendesse la parola, nel corso della manifestazione d’inaugurazione, un gruppo di contestatori che avevano precedentemente tentato di bloccare e impedire il regolare svolgimento della cerimonia.

Officina Universitaria si dichiara allibita dal comportamento del Magnifico Rettore, il quale, da un lato scavalca il CdS scegliendo d’imperio come rappresentante degli studenti maceratesi un soggetto che non ha i requisiti per esserlo, dall’altro permette forme di protesta estreme, le quali hanno ottenuto spazio. Mentre, coloro che, essendo stati legittimamente eletti a rappresentare la voce degli studenti maceratesi, pur avendo manifestato la propria contrarietà in modo pacifico e nel rispetto delle Istituzioni, sono stati ignorati dal Rettore. Infine, si rinviene con rammarico il fatto che Lacchè si ricordi del Consiglio degli Studenti soltanto quando esso risulti strumentale a veicolare il suo progetto di Festival per riportare in vetrina la nostra Università maceratese.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-02-2011 alle 17:25 sul giornale del 18 febbraio 2011 - 726 letture

In questo articolo si parla di cultura, Officina Universitaria

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/hwH





logoEV