Affascina stranieri e italiani la birra agricola della Copagri alla Raci

3' di lettura 12/05/2011 -

Successo per l’anteprima del Festival nazionale della birra agricola della Copagri. La Confederazione produttori agricoli di Macerata sbarca in Slovenia. La Copagri parteciperà ad una fiera ad Isola d’Istria, città gemellata con Tolentino.



Il comune sloveno vuole creare un negozio made in Tolentino e Macerata, con prodotti tipici maceratesi compresa la birra agricola promossa dalla Copagri. Il sindaco sloveno, Igor Kolenc, è rimasto affascinato dalle proposte dell’associazione presentate alla 27° Rassegna agricola centro Italia (Raci) al Centro fiere di Villa Potenza di Macerata lo scorso fine settimana. Igor Kolenc, accompagnato dal presidente della Pro loco Tct di Tolentino Edoardo Mattioli, è stato accolto in fiera dal presidente della Copagri di Macerata Andrea Passacantando.

Tanti consensi ha, così, ottenuto l’anticipazione di quello che sarà il primo Festival nazionale della birra agricola previsto per i prossimi 22 e 23 ottobre ad Abbadia di Fiastra. Durante la mostra, in collaborazione con il Consorzio produttori orzo e birra (Co.bi) ci sono state degustazioni e corsi di abbinamento della birra agricola con i cibi guidati dal presidente AIS Macerata, Cesare Lapadula.

E tanta è stata la partecipazione. In molti hanno preso parte all’iniziativa gustando ed apprezzando il nuovo prodotto proposto, la birra agricola. Oltre tutto domenica pomeriggio l’artista marchigiano Patrizio Moscardelli ha allestito un laboratorio di pittura creando opere con la birra nello stand della Copagri dove faceva bella mostra un vecchio carro ed altri attrezzi agricoli d’epoca.

E nella giornata finale una delegazione della città di Labastide Murat, città natale di Gioacchino Murat, guidata dal sindaco Georges Foissac ha visitato lo stand della Copagri rimanendo colpita dalle proposte tanto da invitare i rappresentati dell’associazione in Francia in una prossima fiera agricola. Non c’è dubbio l’anteprima del Festival nazionale della birra agricola della Copagri ha avuto un grande successo. L’evento è stato proposto per far conoscere la birra agricola che con la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale 212 del 10 settembre scorso del decreto ministeriale del 5 agosto 2010 è entrata a far parte a tutti gli effetti nell'attività di produzione agricola. Ciò apre a nuovi margini di diversificazione produttiva in agricoltura. Ed è il risultato di una grande sfida che la Copagri ha portato avanti dal 2000 quando il progetto non godeva di alcun credito tra gli addetti ai lavori ed a livello istituzionale.

“Ringraziamo gli organizzatori della Raci - dice il presidente di Copagri Macerata, Andrea Passacantando - per questa grande opportunità concessaci che ci permettere di diffondere il grande valore di prospettiva della birra prodotta direttamente dalle aziende agricole, per il quale la Copagri si è battuta fino al formale riconoscimento nello scorso agosto. E non solo.

La Copagri è riuscita a realizzare sul territorio quelle sinergie con il mondo dell'artigianato, del turismo, del commercio locale, che rappresentano un modello economico non in competizione, ma comunque alternativo alla globalizzazione. In definitiva sono quelle forme di associazione che noi vogliamo, che riescono a superare i limiti dimensionali in senso lato delle aziende agricole, rendendo protagonisti i produttori”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-05-2011 alle 18:41 sul giornale del 13 maggio 2011 - 1085 letture

In questo articolo si parla di attualità, Copagri

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/kIH