Provincia: stabilizzati 18 lavoratori in 15 aziende del maceratese

Stretta di mano, assunzione, lavoro, business 3' di lettura 20/02/2012 - Diciotto lavoratori sono stati “stabilizzati” da 15 diverse aziende del maceratese attraverso l’adesione al bando pubblicato a luglio 2011 dalla Provincia per la concessione di incentivi economici alle imprese che avessero trasformato contratti di lavoro “atipici” in contratti a tempo indeterminato.

Il bando, che si è chiuso il 31 dicembre, prevedeva un fondo complessivo di 127 mila euro. Esso è stato utilizzato per intero, seguendo l’ordine cronologico delle richieste in regola con i requisiti. Era previsto un contributo base di 7.000 euro per ogni contratto a tempo indeterminato e a tempo pieno (ridotto e part-time), con aumenti del 10 o 30% in relazione ad assunzioni di donne, lavoratori “over” 45 anni ovvero di lavoratori disabili, se in aggiunta alla quota di collocamento obbligatorio. Soddisfazione per il fatto che si sia registrata piena adesione da parte delle aziende all’iniziativa della Provincia viene espressa dal presidente Antonio Pettinari, il quale annuncia che è imminente la pubblicazione di un altro bando (153 mila euro) per contributi alle imprese che faranno nuove assunzioni.

“Sin dai primi mesi di attività, la Giunta provinciale – sottolinea Pettinari – è intervenuta a favore delle imprese e del lavoro con azioni di sostegno: è stata ultimata l’erogazione dei contributi per la creazione di nuova imprenditorialità e sono stati messi a bando 860 mila euro per finanziare progetti di innovazione tecnologica ed organizzativa delle imprese. Inoltre, nelle prossime settimane usciranno altri due bandi di complessivi 2 milioni e 300 mila euro: uno riguarderà la formazione degli apprendisti ed un altro permetterà di finanziarie la formazione degli occupati, ma anche degli stessi titolari d’azienda, nel campo della sicurezza sul lavoro”. Tornando ai risultati del bando sulle “stabilizzazioni” si riscontra che il diploma superiore ed un’età compresa tra i 30 ed i 45 anni costituiscono il “profilo” più ricorrente tra i lavoratori che hanno avuto trasformato il contratto, con perfetta parità nel genere: 9 donne ed altrettanti uomini.

Tra le trasformazioni a tempo indeterminato, nella stragrande maggioranza dei casi (16), si ritrovano contratti a tempo pieno e solamente in 2 casi quelli a part-time. Un terzo dei lavoratori stabilizzati ha meno di 30 anni e due sono i laureati. Infine, secondo il settore di occupazione: circa il 70% è nel comparto manifatturiero, del commercio e nei servizi alla persona e alle imprese. Le aziende che hanno beneficiato del bando provinciale sono dislocate a Macerata (3 stabilizzazioni), Civitanova Marche (2), Cingoli (2), Recanati (3), Monte San Giusto (2), Corridonia (1), Matelica (1), Pollenza (1), San Ginesio (1), San Severino (1), Tolentino (1), Va, infine ricordato, che ai vari bandi della Provincia nel campo dell’economia e dell’occupazione, nel corso del 2012 si aggiungono azioni specifiche di accompagnamento ai 123 lavoratori della Best di Montefano per favorire la loro ricollocazione nel mercato del lavoro.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-02-2012 alle 14:43 sul giornale del 21 febbraio 2012 - 465 letture

In questo articolo si parla di attualità, macerata, provincia di macerata

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/vsp





logoEV