Il Macerata Opera Festival anima l’estate cittadina, 80 eventi dentro e fuori allo Sferisterio

sferisterio macerata 5' di lettura 01/07/2013 - Trentuno giorni di eventi, quindici serate allo Sferisterio e più di 80 appuntamenti in città. Tutti i giorni dal 15 luglio all’11 agosto, il Macerata Opera Festival anima l’estate cittadina con spettacoli dentro e fuori allo Sferisterio. E il botteghino già risponde molto positivamente con un più 21% di biglietti venduti rispetto al 2012.

Il cartellone completo è stato presentato questa mattina nella sala consiliare del Comune di Macerata dal presidente dell’Associazione Sferisterio Romano Carancini, dall’assessore provinciale alla Cultura Massimiliano Sport Bianchini e dal direttore artistico Francesco Micheli. “Tantissimi appuntamenti - sostiene Micheli - organizzati grazie ad un grande lavoro di squadra di tutto il territorio, dalle istituzioni alle associazioni, alle aziende”.

Il primo appuntamento è già questa sera con un “aperitivo” della stagione, la festa dell’opera al teatro romano Helvia Recina, alla terza edizione. Seguono “Verdi e verdicchio” il 6 luglio, una performance unica che unisce la musica di Verdi, il cibo e il Verdicchio (a cura di Slowfood Corridonia e Istituto Marchigiano Tutela vini), e la presentazione del libro “Dionilla Santolini. Diva inattuale” il 13 luglio.
La settimana delle “prime” mostra tutta la vivacità del calendario. Si parte il 15 luglio con “Poeti nel parco” a cura di Adam (Accademia delle Arti Macerata), che cura anche le microconferenze “L’opera sul lettino”, mentre il 16 e 17 ci sono le anteprime delle due opere - Nabucco e Il trovatore - aperte agli studenti al prezzo di 5 euro. Il 18 il Macerata Opera Festival debutta con la lectio magistralis dell’architetto Massimiliano Fuksas che, alle 18.30, conversa al Teatro Lauro Rossi con il direttore artistico Francesco Micheli, sul tema della stagione Muri e Divisioni. Alle 21 in scena a palazzo Conventati “Magnificat”: 18 brani eseguiti dai giovani studenti della scuola di musica fondata a Gerusalemme nel 1995 da Armando Pierucci. “La partecipazione dei giovani - afferma Carancini - sta caratterizzando fortemente la nostra stagione. Proprio loro si sono rivelati innamorati dell’opera, questo percorso virtuoso ci ha permesso di raddoppiare il coinvolgimento delle nuove generazioni”.

Si arriva al giorno delle prime con il debutto di Nabucco (19 luglio), de Il trovatore (20 luglio) e con il confermato concerto Vita e Arte di Beniamino Gigli (21 luglio).

La settimana è movimentata dal Festival Off che, per la prima volta, si estende ai Comuni della provincia, con il nuovo format Lunedì Tournée. “Da Verdi a Mina” debutta a Macerata, al Teatro Lauro Rossi, il 22 luglio per poi andare il 24 a Civitanova Alta. Il concerto verdiano per voce ed organo, “Teatro dello spirito”, parte dalla chiesa di San Filippo il 29 luglio per poi proseguire il giro a Recanati il 30 luglio e a San Severino il 31. Infine “Il Muro, storie rock di gente da galera”, spettacolo messo in scena il 5 agosto nel cortile della Facoltà di Filosofia di Macerata e il 6 nella tenuta dei Colli di Serrapetrona.
Martedì è Young, rivolto alle nuove generazioni; laboratori, concerti, spettacoli, film con le proiezioni di Cinema Estate, dal titolo Di muri e di-visioni, mentre Mercoledì è Mania per i più esigenti di musica classica. Dal giovedì si pensa in grande: “Romeo and Juliet” in collaborazione con Civitanova Danza, allo Sferisterio (25 luglio), la “Notte dell’Opera” (1 agosto) e “Sogni di una notte di mezza estate”, sempre allo Sferisterio (8 agosto). I due spettacoli in Arena, insieme al concerto di “Patti Smith and her band” (29 luglio), si aggiungono alle dodici serate di programmazione con i titoli verdiani (anteprime comprese) e il concerto per Gigli.

La quarta produzione operistica, con allestimento dell’Accademia delle Belle Arti di Macerata, è Il piccolo spazzacamino, di Benjamin Britten, in scena al Teatro Lauro Rossi il 28, 30 e 31 luglio. Immancabili gli appuntamenti che scadenzano il ritmo della giornata: gli Aperitivi Culturali, a cura di Sferisterio Cultura, dal giovedì alla domenica, alle 12 agli Antichi Forni e Pomeridiana, organizzato da Adam, dal venerdì alla domenica alle 19, nei cortili e nelle piazze del centro storico. Il quadro si completa con i “Fiori musicali nel parco di Villa Cozza”, alle 18.

Il Festival Off è anche arte e mostre e, nel 2013, propone tre differenti percorsi. “Nino Ricci. Le metamorfosi della geometria. Opere dal 1957 al 2013”, racconta più di mezzo secolo di lavoro, da parte di questo amato artista maceratese; l’inaugurazione è il 24 luglio ai Musei civici di Palazzo Buonaccorsi e sarà visitabile fino al 22 settembre. La seconda esposizione è “Sospensioni”, opere di 6 artisti contemporanei selezionate da David Miliozzi e Ludovico Pratesi ed esposte a partire dal 14 luglio nella sala Castiglioni della Biblioteca Mozzi Borgetti di Macerata. Quindi la terza mostra, a Galleria Galeotti: “Call for artist”, una collettiva, dal 18 luglio, che intende riflettere sul tema della 49a edizione del Macerata Opera Festival, a cura dell’Adam.
Tutti gli eventi del Festival Off sono gratuiti, ad eccezione dello Speciale Cinema Estate.

La manifestazione è sostenuta dal Comune e dalla Provincia di Macerata, dalla Regione Marche, dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dalla Camera di Commercio di Macerata, dalla Fondazione Carima, dalla Società Civile dello Sferisterio, dal main sponsor Banca Marche.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-07-2013 alle 18:01 sul giornale del 02 luglio 2013 - 776 letture

In questo articolo si parla di macerata, spettacoli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/OVK





logoEV