Recanati: nuovo arresto per l'attentatore della Clementoni

Arresto 13/07/2013 - Fermato in Ancona, dopo una breve fuga, per il tentato incendio alla Clementoni Nini Dafinu Ioan è stato arrestato con l’accusa di incendio doloso con il pericolo dell’incolumità altrui e rapina aggravata.

Nini Dafinu Ioan, che lo scorso 28 giugno entrò nel capannone della nota azienda di Recanati con un’auto contenente sei bombole di gas da cucina e otto taniche di benzina per poi dar fuoco ai sedili e fuggire a bordo di un’auto rapinata ad una maestra della vicina scuola materna, si trova ora nel carcere di Montacuto ad Ancona.

Dopo la sua fuga e il fermo ad Ancona, le indagini dei carabinieri sono continuate al fine di chiarire tutte le sfaccettature della vicenda. Al termine di queste verifiche il G.I.P. del Tribunale ha emesso un’ordinanza di misura cautelare in carcere a carico di Nini Dafinu Ioan.






Questo è un articolo pubblicato il 13-07-2013 alle 01:30 sul giornale del 13 luglio 2013 - 634 letture

In questo articolo si parla di cronaca, arresto, Sudani Alice Scarpini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/PoT


Che significa "breve fuga"? Da dove è riuscito a fuggire? Ha segato le sbarre, o - atroce sospetto - era semplicemente agli arresti domiciliari, dopo aver tentato di fare una strage? Vivere ha modo di approfondire?