Tolentino: una nuova chiesa nel quartiere Bruno Buozzi

crocifisso 16/07/2013 - Nel quartiere Bruno Buozzi insiste un’area di circa 4700 mq la cui destinazione urbanistica prevede un uso destinato ad uso pubblico ed a verde di quartiere e quindi, utilizzabile anche per la realizzazione di una struttura religiosa o comunque destinata alla socialità dei residenti. Infatti le uniche attrezzature di interesse collettivo attualmente presenti, sono rappresentate dall’edificio che ospita la scuola materna ed elementare e da un limitrofo campetto di calcio, che servono un bacino di utenza che va oltre lo stesso quartiere Buozzi.

L’Amministrazione Comunale, guidata dal Sindaco Giuseppe Pezzanesi, ha preso atto dell’intendimento della Diocesi di Macerata-Tolentino-Recanati-Cingoli-Treia di realizzare un nuovo complesso Parrocchiale in C.da Vaglie e con spazi ricreativi/culturali a servizio del quartiere Buozzi che a tal proposito, ha formalizzato e ribadito in diverse note ufficiali indirizzate al Sindaco tale intendimento, chiedendo di espropriare le aree e necessarie per la realizzazione dell’intervento dell’opera di interesse pubblico, delle finalità sociali e del beneficio pubblico che ne deriverà anche al quartiere e alla città tutta.

Il Comune ritiene opportuno utilizzare questi spazi, autorizzando la realizzazione di un nuovo complesso parrocchiale che contempla Chiesa, locali di ministero pastorale, casa canonica, come da progetto dell’Ing. Gianfranco Ruffini, con spazi ricreativi/culturali a servizio del quartiere Buozzi, in quanto la struttura contribuirebbe a migliorare la vita di relazione di una consistente fetta della comunità urbana grazie alle attrezzature di interesse comune sia religiose, culturali, sociali assistenziali che giardini pubblici ed aree per la ricreazione all’aria aperta, le quali si inseriscono in una prospettiva di rilancio delle attività dell’intero quartiere.

Pertanto la Giunta municipale ha preso atto del progetto definitivo presentato dal tecnico incaricato dalla Diocesi di Macerata-Tolentino-Recanati-Cingoli-Treia e ha deliberato di procedere nell’iter espropriativo dell’area necessaria alla realizzazione dell’opera, dando atto che l’onere finanziario necessario alla realizzazione dell’opera di interesse pubblico di che trattasi, sarà sostenuto interamente dalla Diocesi di Macerata-Tolentino-Recanati-Cingoli-Treia e che l’importo dell’indennizzo delle aree interessate, sarà definito, sulla base del piano particellare di esproprio, successivamente e sostenuto con modalità da concordare, di concerto dalla Diocesi e dal Comune di Tolentino e di demandare l’approfondimento e la definizione degli accordi con la Diocesi, con successivo atto, attraverso un protocollo d’intesa, di tutti gli aspetti relativi alla fruizione, manutenzione e gestione degli spazi ricreativi/culturali a servizio del quartiere Buozzi.

Resta inteso che il progetto della nuova chiesa riveste le caratteristiche dell’opera di pubblica utilità e si inserisce nell’ambito delle finalità dell’Amministrazione comunale e si rappresenta pertanto l’opportunità di prenderne atto, anche per la successiva approvazione dello stesso progetto da parte del Consiglio Comunale ai fini della dichiarazione di pubblica utilità.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-07-2013 alle 19:58 sul giornale del 17 luglio 2013 - 1562 letture

In questo articolo si parla di attualità, tolentino, Comune di Tolentino

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/PwW