Porto S.Elpidio: stupro di gruppo, denunciato a piede libero un 42enne di Macerata

arresto della polizia 06/07/2014 - Ha sequestrato, picchiato e violentato una ragazza di 20 anni. E ha poi chiamato altre due persone che hanno abusato di lei.

Per questo è stato arrestato S.H., 34enne di origini tunisine, residente a Porto Sant'Elpidio. Gli altri due stupratori, F. F., 46 anni di Sant’Elpidio a Mare, e M. C., 42 anni di Macerata, sono stati invece denunciati a piede libero. Lo stupro di gruppo è avvenuto alcuni giorni fa sul litorale nord di Porto Sant’Elpidio, in contrada Gabbie. L'uomo ha attirato la ragazza nella sua auto, con la scusa di chiedere informazioni. L'ha poi riempita di botte e portata in una casa abbandonata, dove ha ripetutamente abusato di lei.

Ma le violenze non finiscono qui: la giovane viene violentata anche da altre due persone, invitate sul posto dal 34enne. Una volta fatto i loro comodi, i tre se ne sono andati, lasciando la ragazza sul posto. La 20enne è quindi riuscita a raggiungere la strada e a chiedere aiuto. Il giorno dopo ha denunciato tutto alla Procura di Fermo. Grazie alla descrizione del primo stupratore e a un numero di targa incompleto forniti dalla vittima, gli inquirenti sono riusciti a risalire all'identità dell'uomo, poi incastrato con il riconoscimento fotografico.






Questo è un articolo pubblicato il 06-07-2014 alle 18:38 sul giornale del 07 luglio 2014 - 771 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia, violenza, arresto, porto sant'Elpidio, abusi sessuali, marco vitaloni, articolo, stupro di gruppo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/6St