Si paga anche con lo smatphone: ecco l'app della Banca della provincia di Macerata

Smartphone, Iphone, tecnologia 2' di lettura 04/08/2014 - Per un libero professionista, un artigiano o semplicemente per chiunque svolgesse attività di vendita e prestazioni di servizi, dal mese di luglio è entrato in vigore l'obbligo di accettare i pagamenti superiori ai 30 euro anche con carte di debito e credito.

Il mondo dei pagamenti sta cambiando e gli esercenti vogliono semplificare le modalità di incasso con l’obiettivo di soddisfare ulteriormente le esigenze della propria clientela, sempre più desiderosa di poter pagare nel modo più comodo e sicuro possibile.

Per questa ragione strumenti come il tablet e lo smartphone stanno diventando elementi chiave per i pagamenti in mobilità e la Banca della Provincia di Macerata è orgogliosa di offrire una soluzione semplice, immediata e versatile, in grado di rispondere alle sempre crescenti esigenze di flessibilità e facilità nei pagamenti. Stiamo parlando dell’innovativo Mobile POS messo a disposizione da BPrM a tutti gli esercenti, i professionisti e gli artigiani che decidessero di associare questo prodotto ad uno dei conti correnti offerti dalla Banca per i non consumatori. Il nuovo dispositivo ha le stesse funzionalità del POS tradizionale ma può essere utilizzato in qualsiasi momento e ovunque ci si trovi in modo rapido e sicuro, si basa su tecnologie innovative ed amplia la gamma delle soluzioni a favore della clientela nell’ambito dei pagamenti in mobilità.

Il servizio utilizza un terminale mobile Mpos ContactLess, pratico e leggero, che permette di eseguire pagamenti con carte di debito e credito (per circuiti abilitati) grazie alla connessione con lo smartphone o il tablet sul quale è caricata l'apposita APP "Smart Mpos"; potranno inoltre essere inviati senza costi aggiuntivi gli scontrini in forma elettronica all'indirizzo e-mail del pagatore.

Tutti coloro che decidessero di aderire all’offerta entro il 30/09/2014, usufruiranno del canone mensile gratuito per i primi 6 mesi dalla data di sottoscrizione della stessa. Successivamente il canone richiesto sarà pari al costo sostenuto dalla Banca per la fornitura del servizio.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-08-2014 alle 18:17 sul giornale del 05 agosto 2014 - 459 letture

In questo articolo si parla di attualità, tecnologia, iphone, smartphone, banca della provincia di macerata

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/8bb