Montelupone: strategia di contenimento per il controllo delle nascite del piccione torraiolo

piccione torraiolo 26/02/2015 - L’amministrazione comunale sta attuando una strategia di contenimento per il controllo delle nascite del piccione torraiolo. Tale strategia contempla due interventi sinergici: la messa in sicurezza degli ambienti del centro storico e un trattamento antifecondativo.

Il centro storico è invaso da questo comunissimo volatile, il quale trova ampie possibilità di nidificazione e di rifugio nelle buche pontarie degli edifici storici.
Il primo edificio da mettere in sicurezza, con dissuasori anche elettrificati e con la chiusura delle buche pontarie, sarà la Chiesa di S. Chiara. Seguirà poi la bonifica di altri siti fortemente colonizzati dai piccioni, quali la chiesa si san Pietro.

E’ in corso inoltre il secondo intervento, che consiste in un trattamento antifecondativo attraverso la somministrazione di mangime trattato con un farmaco che inibisce la fecondazione: attualmente viene somministrato ai volatili del granturco normale, per abituarli a tale alimento. Nella successiva fase, il granturco verrà integrato con un additivo antifecondativo.
“Ricordiamo – ci spiega l’assessore all’ambiente Giada Giorgetti - che tali interventi sono stati scelti facendo riferimento al fatto che i piccioni torraioli, se abbattuti sistematicamente, prolificano a dismisura sentendo istintivamente la necessità di aumentare la propria popolazione”.

I comuni "virtuosi" agiscono sinergicamente (in questo caso Montelupone e Montecosaro) con vari metodi, ma tenendo conto che il mero abbattimento dei volatili sarebbe inutile.
L’assessore Giorgetti precisa che il progetto va inteso a medio e lungo termine, che non ci saranno miracoli immediati, poiché il problema va risolto alla radice e con metodi certi.
Infine, è prevista a breve un'assemblea pubblica per informare e coinvolgere i cittadini.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-02-2015 alle 18:05 sul giornale del 27 febbraio 2015 - 809 letture

In questo articolo si parla di attualità, Comune di Montelupone, montelupone

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/afZe