Volley: Modena passa al tie break, la Lube perde l'imbattibilità ma non il primato

6' di lettura 29/11/2015 - Più di due ore di gioco, spettacolo puro, tanta adrenalina. Il big match della 8ª giornata di SuperLega Unipolsai è della DHL Modena, che in un tie break conquistato dalla Cucine Lube Banca Marche coi denti (era sotto 0-2), risorge dalle ceneri annullando ai marchigiani due set point, per poi chiudere sul 17-15, quindi 3-2.

Per la squadra di Gianlorenzo Blengini si tratta della prima sconfitta stagionale dopo nove vittorie consecutive (Europa compresa), una battuta d'arresto che però non costa il primato in classifica a Miljkovic e compagni, raggiunti sì a quota 20 punti dagli stessi emiliani, ma ancora capolista in virtù del miglior quoziente punti. Nel primo set gli ospiti, che presentano Nikic nella diagonale di posto 4 con Ngapeth, sfoderano subito grande concretezza al servizio e nel cambio palla, trovando l'allungo che risulterà decisivo grazie ad un malinteso che avviene nella metà campo di casa (16-19).

Troppo fallosa invece la Cucine Lube Banca Marche (presenta Cebulj e Cester nel sestetto titolare) per riuscire a tener testa alla squadra di Lorenzetti (ben 10 errori punto, di cui 5 in attacco), che dal canto suo sfodera un sontuoso Ngapeth (7 punti, 86% in attacco). Blengini prova a gettare nella mischia Parodi e Stankovic sul 16-20, ma la rotta del parziale non cambia (22-25). E la trama è la stessa anche nel secondo set, in cui l'allenatore di casa lascia in campo i sei giocatori con cui aveva chiuso il set precedente.

La DHL fa sempre male dai nove metri (anche con la float di Piano), è vigile in seconda linea con il mobilissimo Rossini, e sfodera un cambio palla puntuale come un orologio svizzero passando sia per il centro che per le ali, dove si fa sentire anche Vettori (5 punti, 83%). La squadra di casa, invece, inizialmente riesce a tenere botta appoggiandosi sulle spalle del suo capitano Ivan Miljkovic (6 punti, 67%), poi però si scioglie nuovamente, dinanzi alla solidità del muro modenese (4 vincenti) e ad una decisione arbitrale contestatissima nonostante il supporto del video check (servizio di Stankovic giudicato out, dal 12-15 sarebbe valso il 17-18). Il finale è tutto per Ngapeth (19-25).

I marchigiani cominciano a respirare ossigeno puro solo nel terzo parziale, con un servizio finalmente efficace che li aiuterà a scappare all'inizio (7-2 con tre battute vincenti) ed mantenere a debita distanza la DHL nel finale, in cui pesano tantissimo nell'economia della vittoria Lube un muro vincente di Miljkovic su Nikic (16-13) ed i contrattacchi di Juantorena, che schiaccia col 70% di positività (8 punti, finisce 25-18). E l'italo-cubano sarà gran protagonista anche nel parziale successivo, in cui i ragazzi di Blengini perfezionano la rimonta spinti dai 4 mila dell'Eurosuole Forum. A spezzare l'equilibrio è un malinteso tra Bruno e Lucas che regala alla Lube il 17-15. Poi lo show di Juantorena (9 punti, 80% in attacco), inarrestabile dai nove metri e in posto 4, ma decisivo anche col muro (quello del 20-17 su Petric, in campo al posto di Nikic).

Il tie break è una vera e propria altalena di emozioni, che si conclude con l'esultanza dei gialli: bravi a recuperare dal 10-13 annullando col muro due palle set a marchigiani, per poi chiudere 17-15 con un ace di Vettori. Mvp della partita Osmany Juantorena, che ha concluso la sfida con 28 punti (63% in attacco), il 58% in ricezione su 38 palloni, 1 ace e 1 muro.

Il tabellino

CUCINE LUBE BANCA MARCHE CIVITANOVA: Fei n.e., Gabriele n.e., Parodi 5, Juantorena 28, Vitelli n.e., Stankovic 3, Christenson 1, Cester 3, Grebennikov (L), Miljkovic 18, Corvetta n.e., Cebulj 5, Podrascanin 9. All. Blengini.

DHL MODENA: Bruninho 1, Donadio n.e., Petric 3, Soli n.e., Casadei n.e., Rossini (L), Sartoretti n.e., Ngapeth 24, Nikic, Piano 7, Bossi, Saatkamp 14, Vettori 17, Sighinolfi n.e.. All. Lorenzetti.

ARBITRI: Saltalippi (PG) Bartolini (FI).

PARZIALI: 22-25 (29), 19-25 (28), 25-18 (27), 25-19 (28), 15-17 (19).

NOTE: Spettatori 3987, incasso 26350 Euro. Lube bs 20, ace 6, muri 11, errori 11, ricezione 55% (29% prf), attacco 46%. Modena bs 16, ace 7, muri 7, errori 10, ricezione 52% (26% prf), attacco 48%.

Le parole del dopo partita

GIANLORENZO BLENGINI: "C'è un po' di rammarico per il finale - dice Gianlorenzo Blengini, tecnico della Cucine Lube Banca Marche Civitanova - avevamo tre punti di vantaggio ma in queste partite ogni azione ha l'intensità di un match point e le differenze alla fine sono piccolezze. L'importante è che la squadra abbia reagito, battendosi senza cedere all'impeto di Modena che ha giocato ad inizio gara con molta intensità e pochissimi errori. Poi abbiamo cambiato marcia, creando situazioni buone per fare il break e la partita è diventata un punto a punto, fino alla fine.

Complimenti a Modena, ci dispiace per il risultato ma quando due squadre si affrontano così bisogna essere abbastanza soddisfatti anche se non del tutto, visto che quando perdo non lo sono mai. Prendo, però, quanto di buono è emerso da questa gara ovvero la nostra reazione dopo i primi due set. Juantorena ha faticato un po' all'inizio poi ha realizzato delle cose importanti, senz'altro è stato un terminale importante per prendere dei punti di vantaggio. Da elogiare anche il lavoro fatto dal muro e dalla difesa per creare delle situazione di contrattacco: la vera forza della squadra è stata nella capacità di girare la partita. Poi, nel finale, sappiamo che può succedere qualsiasi cosa e sono stati bravi i nostri avversari ad approfittare della situazione".

OSMANY JUANTORENA: "E' arrivata la prima sconfitta e un po' ci dispiace, ma prima o poi doveva arrivare. Ci dispiace perché abbiamo iniziato male la partita mentre Modena ha giocato molto bene. Poi siamo rientrati, avevo anche la palla per chiudere ma purtroppo non è andata. Abbiamo comunque lottato dall'inizio alla fine, qualcuno doveva vincere quindi complimenti a Modena che è rimasta sempre in partita nel tie break. Sappiamo che ci sarà da lottare in questo campionato, è di alto livello e bisogna avere la giusta concentrazione in ogni partita che affronteremo in futuro".

IVAN MILJKOVIC: "Sapevamo che contro una squadra ricca di grandi campioni come Modena poteva essere lunga. Ci dispiace perché in casa dovevamo partire un po' meglio, ma poi siamo stati bravi a girare la gara e tenere sempre il vantaggio anche nel tiebreak. Poi un pizzico di fortuna è arrivato dalla loro parte: questo fa parte della storia di questo campionato e anche della nostra crescita e sviluppo. Credo che il pubblico abbia visto tanti scambi spettacolari, attacchi molto forti, e si sia divertito. Tra tre giorni partiremo di nuovo, abbiamo la trasferta di Champions League in Repubblica Ceca: pensiamo alle cose che abbiamo concretizzato bene stasera

DRAGAN STANKOVIC: "Oggi abbiamo perso per un punto, contro una squadra ha giocato molto bene come Modena. Noi, invece, abbiamo imbeccato la battuta soltanto dopo i primi due set, e abbiamo reagito bene anche con il muro difesa. Ora guardiamo avanti e pensiamo alla sfida di Champions League con il Liberec, in trasferta in Repubblica Ceca: oggi è andata così ma in futuro sono sicuro che vinceremo partite così".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-11-2015 alle 22:06 sul giornale del 30 novembre 2015 - 647 letture

In questo articolo si parla di pallavolo, sport, volley, volley lube

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aq45





logoEV