Incarichi dirigenziali provenienti dall’organico delle province, Cesetti: “Rafforzata l’operatività della Giunta regionale”

Regione Marche 08/01/2016 - Nell’ambito della riorganizzazione della macchina amministrativa, la Giunta regionale, su proposta dell’assessore al Personale, Fabrizio Cesetti, ha conferito quattro incarichi dirigenziali, provenienti dall’organico della Provincia di Macerata, anticipando il loro trasferimento in Regione.

Si tratta di Cesare Spuri alle attività tecniche di Protezione civile nell’ambito del Dipartimento per le politiche integrate di sicurezza e per la protezione civile; Letizia Casonato alla Viabilità regionale e gestione del trasporto nell’ambito del servizio Infrastrutture, trasporti ed energia; Graziella Gattafoni all’Istruzione, formazione integrata, diritto allo studio e controlli di primo livello nell’ambito del servizio attività produttive, lavoro, turismo, cultura e internazionalizzazione; Enrica Bonvecchi alle Relazioni con gli enti locali e semplificazione nell’ambito del Gabinetto del Presidente.

“Con questi incarichi la Regione – dichiara l’assessore Cesetti - ha anticipato i provvedimenti di trasferimento del personale provinciale in Regione partendo da alcune figure dirigenziali per rafforzare l’operatività di alcuni settori della Giunta regionale, anche a seguito del pensionamento di dirigenti in ruolo”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-01-2016 alle 15:38 sul giornale del 09 gennaio 2016 - 849 letture

In questo articolo si parla di regione marche, politica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/asi0


Quindi i dirigenti delle provincie in via di modifica e dismissione devono essere assunti dalle Regioni e giustamente la Regione Marche ha iniziato il trasferimento con questi quattro nominativi ma allora perché, visto che ne dovranno venire obbligatoriamente molti altri, mantiene in essere il concorso vergogna per la stabilizzazione dei tredici (o dodici) posti già oggetto di varie contestazioni? A parole è facile dire numeri di riduzione dei costi ma poi agire diversamente e sempre con le parole nascondere la realtà.




logoEV