Musicultura: 2° week end di Audizioni live

23/02/2016 - Con la potente voce di Zibba, dritta al cuore del grande pubblico, i secondi marchigiani in gara, gli jesini Capabro’, e una carrellata di quindici concorrenti, Musicultura ha concluso anche la seconda trance di grande musica live al Teatro della Società Filarmonica di Macerata che ha registrato anche questo fine settimana il sold out.

Zibba accompagnato dalle note della sua chitarra, ha aperto l’ esibizione con “Farsi male” il terzo singolo tratto dal suo ultimo album "Muoviti svelto”. “ E’ un onore essere qui a Musicultura, ho sentito su questo palco delle cose bellissime dai concorrenti” – ha detto Zibba - in questi due anni mi sono successe tante cose, in mezzo a tre dischi, sono diventato padre, ho perso un amico e tanto altro … oggi qui festeggio la chiusura di questo periodo con una canzone che e forse quella che mi rappresenta di piu: Senza di te “ .
Con un canto che ha toccato le corde dell’anima dei presenti ha intonato le sue “Le distanze” e “La medicina e il dolore” chiudendo l’esibizione tra gli applausi e l’entusiasmo del pubblico con una splendida interpretazione de “Il mondo” di Jimmy Fontana.

La maratona musicale della tre giorni di audizioni live di Musicultura 2016 ha visto sfilare sul bollente palcoscenico maceratese ben quindici concorrenti: Capabro’ (Jesi – An)
Luca Tudisca (Tusa – Me / Milano), Cinzia Mai (Milano), Luca Benicchi (Lucca), Sikitikis (Cagliari), Antonio Pignatiello (Lacedonia – Av), Mimosa (Milano), Federico Braschi (Santarcangelo Di Romagna Rn), Icio Caravita (Ferrara), Luca Bussoletti (Roma), Karenina (Bergamo), Eleuteria (Brescia) Matteo Fiorino (La Spezia / Roma), Senzaterra (Roma), Ivano Tolio (Bassano Del Grappa - Vi).

Applauditissima l’attesa band Jesina dei Capabro’, l’ironia dissacrante di Diego Brocani, Giorgio Pantaloni e Elia Ciabocco ha infiammato il pubblico del teatro. I tre intelligenti burloni di Jesi hanno divertito gli spettatori con le loro canzoni sul tema dei temi, l’amore, e sull’umiliante confronto, tra le quattro mura di un appartamento, tra un uomo rimasto solo ed un particolare “amico”, il suo pesce, “Se ci proponiamo anche esteticamente in un certo modo sul palco - ha detto vocalist Diego Brocani, - lo facciamo per incentivare e coinvolgere il pubblico che è protagonista attivo nelle nostre esibizioni“.

A vincere l’ambito riconoscimento della commissione di ascolto “Un certain regard” per le migliori esibizioni delle serate: i Sikitikis, Braschi e Caravita.

Il trascinante sound pop rock della band cagliaritana Sikitikis si è imposto potente in teatro con un live intenso e coinvolgente . Una formazione nata nel 2000 capace non solo di contaminare con leggerezza generi musicali diversi tra loro, ma anche di mescolare influenze cinematografiche e letterarie. “Facciamo pop vogliamo divertirci e divertire – ha detto il front man del gruppo Diablo - la nostra musica e stata influenzata dalle nostre storie d’ amore andate male, l’indipendentismo della Sardegna è una presa di coscienza geografica, ma non siamo secessionisti!

Il cantautore ferrarese Icio Caravita è “un gatto randagio che cammina sulla vita, distrattamente attento”. Nei tre brani da lui offerti al pubblico con la sua chitarra insieme a quella di Massimo Germini, storico chitarrista di Vecchioni, un compendio di emozioni: lo sconforto e la risalita, le paure “di dentro” e il piacere delle piccole cose come balsamo per l’anima ferita da una quotidianità che non lascia respiro. Così come la creatività dell’artista, che crea canzoni quando decide “di mettere insieme, come pezzi di un mosaico, ed ordinarle, tutte le cose che gli hanno procurato emozioni”. Tre bei racconti suggellati da atmosfere musicali perfettamente create dal duo.
Testi profondi espressi con un impeto rock per il viaggiatore del mondo Braschi, Federico di nome, romagnolo, che ha appreso molto negli gli anni trascorsi negli Stati Uniti. E’ lì che ha conosciuto i Calexico, che amava fin dai tempi del liceo nella sua Romagna, arrivando a collaborare con due membri del famoso gruppo nella realizzazione del suo Ep “Richmond”. “Un momento fondamentale nel mio percorso artistico, perché in certe sonorità ed atmosfere riconosco me stesso”, ha detto Braschi a margine della sua performance.

Ad aggiudicarsi il premio “Gradimento del pubblico” nelle tre serate: Luca Tudisca, Antonio Pignatello e Eleuteria

Luca Tudisca, noto al grande pubblico per la sua fortunata partecipazione ad “Amici” di Maria De Filippi ed il successo di “Dialogo”, brano che gli era valso gli elogi dei grandi della musica italiana tra cui Elisa e Biagio Antonacci. Chi, presente tra il pubblico, ancora non lo conosceva, è entrato in contatto con il suo talento. Struggente la sua “”Guardami adesso”: l’immortalità dell’anima assurge a valore universalmente condiviso grazie al ricordo di chi non c’è più. 'Le canzoni sono vita vissuta – ha detto Tudisca - la cosa fondamentale è cogliere il senso delle cose per poi scrivere le sensazioni che si provano in quel momento”.

Il cantautore avellinese Antonio Pignatello ha dedicato la sua performance alla scomparsa di Umberto Eco, alla quale, con un commovente applauso si è unito il grande pubblico del teatro per rendere omaggio a uno dei più grandi intellettuali italiani della storia contemporanea. Tra le influenze musicali di Pignatello Paolo Conte, Capossela e la canzone popolare toscana; accompagnato da una band composta da una parte dalla Banda della Posta di Capossela e dal maestro Roberto Manuzzi storico sassofonista di Guccini, il cantautore avellinese ha saputo entusiasmare i presenti con le coinvolgenti atmosfere dei tre brani proposti. L’artista irpino è reduce dal suo ultimo lavoro con Vinicio Capossela “A sud di nessun nord”. Il mio disco è stato un viaggio, fatto di incontri con tanti musicisti. – ha detto Antonio Pignatiello -. come una canzone, ha abbracciato più persone senza appartenere a nessuno”.

Eleuteria, cantautrice bresciana, con il suo violoncello si è proposta al pubblico di Musicultura con una formazione tutta al femminile, in un raffinato trio con una violinista e una pianista, regalando autentici brividi di emozione , in particolare con il secondo dei tre brani proposti, “Pioggia d’aprile”. “La mia vita - Ha dichiarato Eleuteria - è sempre stata infestata da suoni, forme e colori, emozioni che nella mia mente si sono trasformati in musica”.

L’appuntamento con l’ultima trance delle audizioni live di Musicultura è per il prossimo fine settimana, per venerdì 26 febbraio con un altro attesissimo ospite che farà da padrino agli artisti in gara: Paolo Jannacci.

CALENDARIO ESIBIZIONI LIVE FEBBRAIO 2016:

VENERDI’ 26
SIMONE CICCONI
GIULIA OLIVARI
FLAVIO SECCHI
EVOL
GIULIA CATUOGNO

SABATO 27
JONNY BLITZ
ROBERTO RIBUOLI
MARCO PANETTA
FRANCESCA ROMANA PERROTTA
EMANUELE COLANDREA

DOMENICA 28
PAOLO JLACELI
LONTANO DA QUI
ALIA
GIANFRANCESCO CATALDO
SIBERIA
EMANUELE AMMENDOLA

INFO - AUDIZIONI LIVE

Teatro della Società Filarmonico Drammatica di Macerata
INIZIO SPETTACOLI venerdì e sabato ore 21 - domenica ore 17
-venerdì 26 , sabato 27, domenica 28 Febbraio ospite Paolo Jannacci







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-02-2016 alle 16:44 sul giornale del 24 febbraio 2016 - 914 letture

In questo articolo si parla di jesi, macerata, spettacoli, musicultura, musicultura festival, zibba, capabrò

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/at3L