8 Marzo: Provincia, 'Prosegue il nostro impegno nel contrasto della violenza'

Violenza sulle donne 07/03/2016 - Il Presidente della Provincia di Macerata Antonio Pettinari e l'Assessore alle Pari Opportunità Paola Mariani, nell'augurare alle donne del nostro territorio un “Buon 8 marzo”, all'insegna della consapevolezza del proprio valore e dei propri diritti, assicurano la prosecuzione dell'impegno delle istituzioni nel contrastare l'odioso fenomeno della violenza.

La Provincia infatti attraverso il suo Centro Antiviolenza che ha sportelli sia a Macerata che a Camerino offre un sostegno gratuito ed anonimo alle donne in difficoltà. Accanto a ciò ogni anno vengono messe in atto azioni di sensibilizzazione attraverso incontri nelle scuole e momenti di approfondimento e formazione con gli operatori che a vario titolo vengono a contatto con le donne vittime di violenza.

L'analisi dei dati forniti dagli operatori del Centro Antiviolenza per l'anno 2015 confermano quanto già emerso in passato. La violenza è trasversale, riguarda indistintamente tutte le donne e spesso è compiuta all'interno del contesto familiare, dal partner o dal compagno (54%), da chi con la vittima ha un legame. 65 sono le donne che si sono rivolte al Centro Antiviolenza nell'anno 2015.

Il 62% di queste di nazionalità italiana.
Il 50% ha un’età compresa tra i 30 e i 50 anni; circa il 43% è coniugato.
Quasi il 57% ha un diploma o una qualifica professionale, il 12% una laurea. Il 51% è occupato, il 35% disoccupato.
Almeno 8 donne su 10 hanno dichiarato di aver subito atti di violenza sia fisica sia psicologica.
L’età, lo stato civile, il titolo di studio e l’occupazione confermano i dati italiani, e cioè che il fenomeno della violenza sulle donne appartiene più alla normalità che alla patologia ed è ancora troppo poco visibile. Quasi la metà di chi si è rivolta al Centro Anti Violenza è coniugata, ha un diploma o una qualifica professionale ed è occupata in maniera stabile. Le violenze si consumano per lo più tra le mura domestiche, nel rapporto con il marito o il convivente o l’ex, e molto spesso, purtroppo, davanti ai figli.

Un fenomeno che non accenna a diminuire e che anzi si connota sempre più come violenza fisica, il più delle volte connessa a quella psicologica ed economica. E le strade da percorrere non possono che essere due:
• che ciascuna vittima rompa il muro del silenzio e denunci la violenza subito sapendo che c'è una rete di sostegno istituzionale alle loro spalle,
• che le istituzioni e le associazioni, ciascuna nei propri contesti seguitino sempre a tenere alta l'attenzione sul fenomeno, svolgendo azioni di sensibilizzazione e diffondendo soprattutto tra le nuove generazioni, un messaggio di contrasto alla violenza.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-03-2016 alle 18:51 sul giornale del 08 marzo 2016 - 515 letture

In questo articolo si parla di attualità, macerata, provincia di macerata, violenza sulle donne

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/auy6