Tolentino: presentazione di 'Tolentino. Guida all’arte e alla storia'

09/06/2016 - Tre lustri sono trascorsi da quando l'Accademia Filelfica ritenne opportuno preparare la seconda edizione di “Tolentino. Guida all’arte e alla storia” per adeguarla alle allora recenti scoperte che andavano a perfezionare ed approfondire le conoscenze relative alla città, raccolte per la prima volta ben dieci anni prima, al tempo della prima edizione (1988).

In questo periodo di tempo molti aspetti sono cambiati e la città ha tratto da questi mutamenti una fisionomia diversa, più attraente, più affascinante e più coinvolgente, così da assumere un valore tanto maggior quanto più viene ad essere conosciuta dal turista e dai concittadini. E una guida assolve proprio alla funzione di “guidare” - attraverso un’attenta revisione del testo e dell’apparato iconografico - alla conoscenza dell’itinerario delle nuove scoperte che hanno cambiato la struttura culturale della Città.

Basti pensare alla nuova sistemazione del Museo Archeologico al Castello della Rancia e del MIUMOR, il Museo dell’Umorismo a Palazzo Sangallo.
O al restauro e alla riscoperta degli affreschi della cappella nella chiesa di S. Francesco, di pochi anni posteriori a quelli del Cappellone di S. Nicola: dal fascino femmineo della maestosa Donna-Madonna col Bambino, alla folgorazione estatica del san Francesco che riceve le stimmate, al dramma della Crocifissione accentrata sul dolore della Madonna e di San Giovanni che, con immediatezza di espressività apparentemente elementare ma efficace, lascia scaturire le profonde emozioni e le passioni sconvolte dei protagonisti silenziosamente urlanti sotto la croce.
O alla ristrutturazione della fonte di S. Giovanni, dalla antica storia e dal lungo abbandono che, però, ha ritrovato finalmente la sua dignità di struttura urbana attraverso un’operazione culturale di primaria importanza.

E, per concludere questa breve rassegna che rappresenta uno scarno specimen delle nuove - e molte -acquisizioni, è opportuno ricordare la riscoperta di Marchisiano di Giorgio, un pittore tolentinate di origine slava vissuto a cavallo tra il '400 e il '500, dimenticato per secoli, che costituisce la tessera mancante nella storia dell’arte marchigiana e a cui deve essere assegnato il corpus costituito da un notevole numero di opere, prima attribuite - per mancanza di altra paternità certa - a Francesco da Tolentino, a Bernardino di Mariotto, al Pinturicchio, al Perugino....
Uomo provato dalla vita, Marchisiano, ma anche collerico, impulsivo e pluriomicida, di fronte al quale – ma solo per questo aspetto negativo – il Caravaggio appare come un incerto fanciulletto, nonostante la letteratura lo rappresenti come il prototipo dell’artista noir, illuminato, geniale, e maledetto.

A fianco delle nuove acquisizioni storiche e documentali si è fatto fronte anche all’esigenza di innovare l’immagine che in una guida non è un ornamento bensì un elemento essenziale: l’immagine precorre il tempo della visita e offre un’anticipazione di quanto sarà oggetto di osservazione e di studio; al tempo stesso è anche completamento di quanto la descrizione verbale indica: sebbene, apparentemente, i monumenti siano sempre gli stessi, tuttavia i restauri li rinnovano e li mostrano in una luce e una prospettiva diversa e li rendono, quindi, vivi nel corso del tempo.

La pubblicazione di questa nuova edizione, curata da Giorgio Semmoloni, si deve alla generosità della Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia di Macerata, alla sensibilità del Comune di Tolentino che ha concesso il patrocinio all'iniziativa, e alla disponibilità culturale dell'Avis Comunale di Tolentino.
La presentazione al pubblico di "Tolentino. Guida all'arte e alla storia" avverrà sabato 11 giugno 2016, alle ore 17, presso l'Auditorium "N. Fusconi", presso la Basilica di S. Nicola a Tolentino.





Questo è un articolo pubblicato il 09-06-2016 alle 19:39 sul giornale del 10 giugno 2016 - 461 letture

In questo articolo si parla di tolentino, Comune di Tolentino

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/axXE