Siccità, l'Ato scrive ai Comuni: "Si può arrivare al razionamento, servono ordinanze dei sindaci"

acqua 27/06/2017 - Emergenza siccità, l’Ato3 Macerata lancia un appello ai sindaci invitandoli ad emettere apposita ordinanza per ridurre il consumo di acqua.

“La stagione estiva appena iniziata, si preannuncia torrida e siccitosa – si legge nella lettera firmata dal presidente Francesco Fiordomo - si può ragionevolmente prevedere un considerevole aumento dei consumi di acqua potabile, con conseguente necessità di intraprendere azioni preventive da parte dei Gestori del SII, che potranno arrivare anche preventivamente all’interruzione della continuità del servizio di approvvigionamento, al razionamento e alla turnazione delle forniture”.

Per salvaguardare la risorsa idrica, quindi, Aato3 ha invitato tutti i sindaci ricadenti nell’ambito territoriale ad emettere apposita Ordinanza volta a contenere i consumi non strettamente legati al fabbisogno idropotabile e vietare gli usi impropri dell’acqua potabile, prevedendo la possibilità di applicare sanzioni a seguito di accertamento di usi difformi da parte della Polizia Municipale. All’estate siccitosa si aggiunge anche la gratuità dell’acqua derivante dall’azzeramento delle bollette del Servizio Idrico Integrato nei Comuni per i prossimi 3 anni. “Decisione questa – spiega Fiordomo – che può indurre a sprechi ed usi sconsiderati da parte delle utenze interessate, con conseguente concreto rischio che si possano verificare situazioni di crisi idrica generalizzata, dovuta all’insufficiente disponibilità di risorsa presso le fonti di approvvigionamento in uso”.


da AATO
Autorità Ambito Territoriale Ottimale



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-06-2017 alle 11:52 sul giornale del 28 giugno 2017 - 248 letture

In questo articolo si parla di economia, acqua, aato, siccità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aKHA