Cingoli: 502 cingolana, satta l'occupazione del sedime pericoloso

16/08/2017 - Appuntamento giovedi 17 agosto alle ore 10 in località Sparaceto. Sono invitati tutti i ciclisti e tutti coloro che hanno a cuore il futuro dei nostri territori. 14 agosto 2017. Sono anni che la 502 ha subito un degrado del sedime stradale così grave che oramai neppure le autovetture possono transitare senza subire danni.

In un rimpallo Istituzionale tra Provincia, Regione e Anas è stato complicato anche per l’Amministrazione comunale capire bene a “ a chi spetta” provvedere. Uno scarica barile che fa della 502 una delle strade statali all’interno del cratere piu’ pericolose d’Italia. Sono giornalieri i danni provocati a ciclisti e motociclisti.Ed il pericolo che possa accedere qualcosa di grave è incombente sempre, specie per il tratto verso San Severino Marche. Prima che si registri una tragedia noi “ve lo abbiamo detto” ! Peraltro anche la parte che conduce a Jesi, dalla zona industriale di Mummuiola, richiede un allargamento della carreggiata per consentire il passaggio dell’enorme volume di traffico che parte ed arriva alla Fileni.

Per essere chiari - ha affermato il Cingoli Saltamartini-tutte queste cose sono state scritte, dette e ridette a chi ne ha la responsabilità. Fin’ora la Regione ha fatto orecchie da mercante scaricando su Anas che, anch’essa non ha brillato certo di sensibilità. Per questa ragione invito tutti a partecipare a questa prima forma di protesta, a cui seguiranno altre –anhe clamorose- se non vi saranno segni concreti. Una riunione in cui pedoni e ciclisti potranno verificare lo stato dell’arteria che collega l’entroterra terremotato alla costa. Insomma, un esempio del “menefreghismo” con cui la Regione e lo Stato si occupano dei Comuni terremotati delle Marche.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-08-2017 alle 14:56 sul giornale del 17 agosto 2017 - 239 letture

In questo articolo si parla di attualità, cingoli, comune di cingoli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aMdN