Ortaggi in dono all’Anffas: sono quelli coltivati negli Orti per anziani e in quelli delle scuole elementari e materne

31/08/2017 - Piccola cerimonia di solidarietà per donare all’Anffas gli ortaggi raccolti negli orti che il Comune ha destinato agli anziani e in quelli realizzati nelle scuole elementari e materne del progetto Orto in condotta. Un bel gesto voluto dall’Auser, l’associazione di volontariato che sovrintende entrambi i progetti, e dal suo presidente Antonio Marcucci che ha avuto luogo nei giorni scorsi nei locali di via Vanvitelli.

Presenti all’iniziativa il presidente e il direttore generale dell’Anffas Marco Scarponi e Gianfranco Pascucci, gli assessori Marika Marcolini e Narciso Ricotta, alcuni rappresentanti dei produttori di ortaggi e l’insegnante del plesso Dolores Prato Anna Ossini, che ha consegnato gli ortaggi raccolti negli orti scolastici della città. “Una bellissima iniziativa – afferma l’Assessore Ricotta - perché una vera comunità si riconosce dai gesti di solidarietà verso i più fragili”.

Orti per anziani e Orto in condotta, volute dall’Amministrazione comunale, sono finalizzate a creare occasioni di aggregazione sociale, conoscenza e valorizzazione dell’ambiente urbano, sensibilizzare la cittadinanza sull’esigenza di salvaguardare e riqualificare il territorio comunale. In particolare la prima, consente all'anziano di continuare a sentirsi utile e godere dei frutti del suo lavoro e quindi tende ad evitare emarginazione ed isolamento in cui spesso la persona può venirsi a trovare.

“Si offre un’opportunità agli anziani di trovare nuovi stimoli nello svolgere l’attività agricola e, conseguentemente, di sentirsi parte di un contesto attivo, di confronto e di condivisione che porta sicuramente ad una maggiore coesione sociale” afferma l’assessore ai Servizi sociali Marika Marcolini. Ad oggi sono circa 220 gli orti assegnati agli anziani. Chiunque ne faccia richiesta potrà essere soddisfatto in breve tempo in quanto è quasi del tutto esaurita la lista di attesa. Orti in condotta è invece un valido strumento per avvicinare le giovani generazioni alla cultura del cibo e alla salvaguardia dell’ambiente.

Ad oggi sono circa 15 le scuole che hanno aderito a tale iniziativa che vede coinvolti i piccoli studenti delle scuole materne ed elementari, gli insegnanti, i genitori e i nonni. Alcuni anziani dell’Auser seguono direttamente gli orti scolastici e provvedono così alla trasmissione tra generazioni dei saperi legati alla terra.





Questo è un articolo pubblicato il 31-08-2017 alle 10:26 sul giornale del 01 settembre 2017 - 236 letture

In questo articolo si parla di macerata, comune di macerata

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aMAm