Cingoli: apertura parziale del Viadotto di Castreccioni, prima opera post sisma delle quattro regioni terremotate

07/09/2017 - Il presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli, ha partecipato all’incontro pubblico di Cingoli convocato in occasione dell’apertura parziale del Viadotto di Castreccioni.

Un momento istituzionale di ringraziamento, con un saluto alle maestranze che stanno lavorando sull’infrastruttura per renderla completamente transitabile nei prossimi mesi. Presenti le autorità del territorio. “È la prima grande opera post sisma di tutte le quattro regioni terremotate che si ripristina - ha sottolineato il sindaco Filippo Saltamartini - La solidarietà e la condivisione istituzionale hanno permesso di riaprire il ponte dopo un anno dal terremoto”.

Un intervento di grande importanza, “attesto dalla comunità locale, che consente di ripristinare la viabilità in un’area ferita dal terremoto - ha detto Ceriscioli - È questa la dimostrazione che tutti quei messaggi che abbiamo dato sulla disponibilità delle risorse e sulle procedure, sul fatto che sia possibile ripartire, si stanno realizzando. È un’infrastruttura importante che permette di collegare parti del territorio che, se isolate, subiscono danni notevoli.

Quindi oggi vediamo concretamente un pezzo di ricostruzione che dà a tutti questo messaggio positivo: impegnandosi e lavorando insieme, è possibile raggiungere l’obiettivo di restituire alla comunità quelle che sono le sue infrastrutture più importanti per dare speranza ai nostri cittadini”. Il prefetto di Macerata, Roberta Preziotti, ha ribadito che “la pubblica amministrazione cammina sulle gambe degli uomini. Si può operare velocemente anche durante un terremoto se c’è la necessaria solidarietà istituzionale, come è avvenuto nella vicenda del Viadotto di Castreccioni”.

Il presidente del Consorzio di bonifica, Claudio Netti ha ribadito che “è un dovere realizzare le opere nei tempi programmati. Il terremoto fisico deve divenire un terremoto delle coscienze che possa riorganizzare tutto il Paese”. Sono intervenuti all’incontro il senatore Remigio Ceroni e i sindaci di Treia, Staffolo, Filottrano, Tolentino. Il Viadotto sul lago di Castreccioni collega la frazione di Moscosi alla Provinciale.

Con l’apertura parziale al traffico veicolare, avvenuta ieri, è terminata la prima fase dei lavori sulla struttura lesionata dopo il terremoto di ottobre. La circolazione avviene a senso unico alternato, mentre continuano i lavori di consolidamento da parte della ditta Giuseppe Pesaresi di Rimini, gestiti dal Consorzio di bonifica. L’intervento consiste nel consolidamento dei piloni già danneggiati prima del sisma, le cui lesioni si sono poi aggravate. Un investimento complessivo superiore ai 3,2 milio di euro, finanziato con i fondi dell’emergenza sisma 2016 (primo stralcio programma Anas).







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-09-2017 alle 18:41 sul giornale del 08 settembre 2017 - 247 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, cingoli, viadotto Castreccioni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aMNY