Sisma: rimossa la quasi totalità delle macerie pubbliche

16/09/2017 - La quasi totalità delle macerie pubbliche è stata rimossa. Un obiettivo primario, quello di liberare strade pubbliche e piazze, per permettere il raggiungimento di tutte le frazioni e le case soprattutto nei comuni più colpiti dal sisma.

“In totale – spiega L’assessore Sciapichetti - le macerie rimosse ad oggi sono più di 150mila tonnellate. L’operazione di rimozione di tutte le macerie pubbliche permette di dare a tutti la possibilità di raggiungere le proprie abitazioni, a meno delle frazioni più colpite come Pescara del Tronto ad Arquata”.

Inoltre sono avviate già da tempo inoltre la rimozione delle macerie private, soprattutto per le abitazioni che sono in adiacenza alle strade. Infatti ogni volta che si iniziano le operazioni di rimozione si procede con l’avviso ai cittadini che possono scegliere di essere presenti durante i lavori di carico così da poter reperire già in loco alcuni oggetti personali. Oggetti recuperati anche durante le fasi di selezione e cernita nei siti di deposito temporaneo di Monteprandone e Tolentino.

Le operazioni di rimozione inoltre avranno un’accelerazione a seguito di una nota della protezione civile nazionale dello scorso 7 settembre, in merito alle demolizioni degli edifici parzialmente crollati. Documento che considera la demolizione non più un procedimento a parte ma un’operazione connessa alla rimozione delle macerie, evitando così il percorso ordinario previsto con le ordinanze dei sindaci.

(Sotto le foto, riferite a venerdì, dei lavori di rimozione macerie a Castelsantangelo sul Nera, che ha permesso lo sgombero della strada di accesso alle porte nocrine. Clicca sulle immagini per ingrandire)







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-09-2017 alle 16:50 sul giornale del 18 settembre 2017 - 239 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aM6G