Ancona: Provincia e Guardia di Finanza insieme per controllare meglio gli appalti

18/01/2018 - La Provincia di Ancona gestisce direttamente gli appalti per strade e scuole (circa 10 milioni di euro nell'ultimo triennio) e gestisce gli appalti per i piccoli e medi comuni della Provincia che preferiscono affidarsi all'Ente come stazione appaltante. Nell'ultimo triennio i 13 comuni che si sono avvalsi di questo servizio hanno affidato appalti per 14 milioni di euro.

Su questi appalti, che nell'ultimo triennio hanno sfiorato il valore di 25 milioni di euro, si applica la convenzione firmata giovedì mattina dalla Presidente della Provincia Liliana Serrani e dal Generale delle Fiamme Gialle Vincenzo Amendola.

Tutta la documentazione delle ditte che partecipano agli appalti indetti e gestiti dalla Provincia verrà immediatamente condivisa con la Guardia di Finanza che potrà quindi svolgere più agevolemente e con più completezza le sue indagini.

Se la Finanza durante i controlli sullo stato patrimoniale delle aziende appaltanti e sulla loro natura dovesse riscontrare dei punti non chiari ne informerà la Provincia che potrà chiedere ulteriore documentazione.

Il fine di questa convenzione è impedire che un'azienda si aggiudichi un appalto e poi non sia in grado di portarlo a termine interrompendo i lavori. Impedirà inoltre l'infiltrazione di organizzazioni criminali.
Infine avvantaggerà le imprese locali che sono abituate a lavorare molto bene con tutti i crismi della legalità.

Si tratta della prima convenzione del genere stipulata nelle Marche. Il Generale Amendola ha espresso l'auspicio che altri Enti Pubblici seguano l'esempio della Provincia e stipulino convenzioni simili.







Questo è un articolo pubblicato il 18-01-2018 alle 17:11 sul giornale del 19 gennaio 2018 - 610 letture

In questo articolo si parla di michele pinto, provincia di ancona, politica, guardia di finanza, appalti, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aQPt