Il Garante dei diritti in città per incontrare gli immigranti feriti

ambulanza 1' di lettura 06/02/2018 - Nobili ha espresso piena solidarietà alle vittime, sottolineando che lo Stato deve rispondere con fermezza ad ogni episodio di intolleranza. Formulato anche l’auspicio che si arrivi nel più breve tempo possibile all’individuazione delle responsabilità per quanto concerne la morte della giovane Pamela Mastropietro.

Il Garante dei diritti, Andrea Nobili, oggi all’ospedale di Macerata per una visita ad alcuni degli immigrati rimasti feriti nel corso dei tragici eventi di sabato scorso. Accompagnato dai responsabili delle associazioni Gus e Acsim, Nobili ha espresso piena solidarietà alle vittime, formulando una ferma condanna per quanto accaduto, non prima aver ribadito che “le Marche non possono tollerare questa ferita, avendo sempre registrato un impegno significativo sul versante dell’accoglienza e delle politiche volte a favorire l’inclusione sociale”.

Il Garante si è detto, comunque, certo che “le tensioni delle ultime settimane richiedono grande attenzione anche a livello istituzionale ed è quindi necessario rafforzare l’impegno comune, approfondendo la situazione delle diverse realtà sociali che insistono sul territorio regionale”. Da ultimo un appello deciso: “Lo Stato deve rispondere con fermezza ad ogni episodio d’intolleranza, così come l’auspicio è che le autorità preposte arrivino nel più breve tempo possibile all’accertamento di tutti i fatti ed all’individuazione delle responsabilità per quanto concerne la morte della giovane Pamela Mastropietro. Alla sua famiglia il nostro più sincero sentimento di vicinanza”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-02-2018 alle 18:25 sul giornale del 07 febbraio 2018 - 202 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, ambulanza

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aRrc





logoEV