Pollenza: "Tra palco e realtà - in scena le insidie della Rete"

24/04/2018 - Venerdi’ 27 aprile 2018 gli studenti della scuola media inferiore "Vincenzo Monti" di Pollenza saranno coinvolti in una doppia rappresentazione presso il locale Teatro Verdi per mettere in scena con recitazione, musica e video i pericoli della Rete e delle nuove tecnologie.

Lo spettacolo è previsto alle ore 10 riservato alla scuola, e alle 21 in replica aperto alla cittadinanza. Con la stessa formula si andrà in scena a Monte San Giusto venerdì 4 maggio, presso il Teatro Durastante, con gli studenti della Scuola media "Lorenzo Lotto" e a San Severino Marche martedì 15 maggio, presso il Teatro Feronia, con gli studenti della Scuola media "Tacchi Venturi". L'itinerario si conclude con la finale di Macerata, prevista per giovedì 17 maggio 2018 nella prestigiosa cornice del Teatro Lauro Rossi che accoglierà le opere migliori. Siamo entrati dunque nel vivo della fase finale di "Tra palco e realtà", giunto alla sua seconda edizione, un progetto che da autunno 2017 ha attivato un percorso prima di informazione e poi di attività in laboratorio - teatrale soprattutto, ma non solo - dedicato alla prevenzione dei comportamenti inadeguati e dei pericoli legati a Internet e nuovi media, quali dipendenze, cyberbullismo, predazione sessuale, gioco d'azzardo, acquisti illegali o pericolosi, abuso e cattivo uso dei social, estorsione dati sensibili.

Un universo esteso e complicato di problematiche con cui quotidianamente tutti ci troviamo a fare i conti e in particolare su cui i più giovani rischiano di inciampare, con conseguenze che possono essere drammatiche quando sottovalutate. Lo dimostrano svariati casi di cronaca e il numero sempre maggiore di denunce per reati compiuti con "mezzi tecnologici". "Tra palco e realtà" è un'azione di prevenzione ideata e promossa dalla Polizia di Stato, dal Dipartimento Dipendenze Patologiche AV3 Asur Marche e dal Garante Regionale per l'Infanzia. Il Progetto è reduce dal grande successo dello scorso anno, ove ha rappresentato una assoluta novità grazie a una metodologia coinvolgente, in grado di rendere protagonisti i ragazzi, di stimolare un percorso interattivo e creativo, attraverso il linguaggio teatrale, grazie al lavoro dei registi che hanno aderito al Progetto, ma anche grazie ad altri approcci artistici, attivati grazie alla guida dei docenti, in ambito musicale, video, poesia, disegno.

Nelle tappe di "Tra Palco e realtà" avremo modo di apprezzare una serie di performance di diverso tipo, che articoleranno oltre un'ora di spettacolo. La performance principale, quella che entrerà in concorso con le altre scuole per la vincita dei premi finali, è quella prettamente teatrale. Il teatro è stato scelto quale linguaggio di espressione e fascinazione che mai come oggi appare utile valorizzare, proprio opponendolo alle insidie individualistiche delle tecnologie, mettendo in luce la sua impareggiabile capacità di creare divertimento, relazione, e di attivare riflessione critica e creativa. I laboratori sono partiti dopo una prima fase in cui gli esperti della Polizia di Stato, del Dipartimento Dipendenze e dell'associazionismo coinvolto, hanno realizzato incontri formativi utili a stimolare interesse e comprensione, allo scopo di ottenere nella fase creativa una maggiore profondità di analisi e consapevolezza riguardo i fenomeni dell'era digitale, delle risorse e dei pericoli da cui sono caratterizzati.

Le opere realizzate dagli studenti saranno poi utilizzate in nuove azioni e diversi contesti, nella speranza siano in grado non solo di parlare ai ragazzi, ma anche ai loro genitori, che sovente sono altrettanto impreparati riguardo le insidie della Rete, quando invece il loro compito primario è quello di accompagnare i figli in un difficile percorso di uso moderato e consapevole. "Tra Palco e Realtà" è un'azione coordinata all'interno del Tavolo della Prefettura "Uniti contro le droghe" e che coinvolge diversi attori del tessuto sociale, in particolare usufruisce del patrocinio dei comuni di Macerata, Pollenza, Monte San Giusto e San Severino Marche e della collaborazione di locali associazioni culturali e di promozione sociale: Glatad, Aiart, Compagnia Calabresi Tema Riuniti. I registi teatrali coinvolti sono Laura De Sanctis per San Severino Marche, Maria laura Platania per Pollenza, e Vanessa Spernanzoni per Monte San Giusto.

L’obiettivo dell’iniziativa è quello di realizzare “un’educazione partecipata” coinvolgendo in un percorso condiviso famiglia, scuola e Istituzioni sui quali si fonda la formazione dei giovani. In questa edizione verranno conivolti circa 300 studenti delle scuole secondarie di primo grado





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-04-2018 alle 20:26 sul giornale del 26 aprile 2018 - 219 letture

In questo articolo si parla di attualità, questura di macerata

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aTWr