Cingoli: sottoposto ai domiciliari era al bar, arrestato

06/07/2018 - Nella giornata di giovedì 5 luglio, tutti i reparti del Comando Provinciale di Macerata, con l’apporto di due unità cinofile e reparti speciali dell’Arma, sono stati impegnati in un servizio straordinario di controllo del territorio che ha interessato l’intera provincia.

Con il dispiegamento di 70 militari e 20 automezzi, ed un elicottero del 5° elinucleo Carabinieri di Pescara, sono state passate al setaccio le località a maggiore afflusso turistico, ovvero quelle aree in cui è avvertita l’esigenza di una maggiore sicurezza.

E’ stato così che Porto Recanati, Civitanova Marche, Macerata, Corridonia, Montecassiano, Cingoli, Montefano, Tolentino, San Severino Marche, Camerino, Matelica e Castelraimondo sono state oggetto di mirati controlli al fine di prevenire fenomeni di criminalità diffusa, compreso il diffuso fenomeno del traffico degli stupefacenti.

L’impegno dell’Arma ha dato subito i suoi frutti. Difatti, oltre alle 300 persone identificate, sono stati eseguiti due arresti: uno per evasione ed un altro per violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale. A Cingoli i militari della locale Stazione, nell’ambito di periodiche verifiche, hanno scoperto che un soggetto che doveva permanere in casa, in quanto agli arresti domiciliari, in realtà si trovava comodamente in un bar del centro a consumare un aperitivo. A Macerata, invece, i carabinieri del Nucleo Radiomobile hanno arresto un ghanese 27enne, in quanto accusato di violenza e resistenza a pubblico ufficiale, poiché durante un controllo, al fine di impedire loro le attività di verifica, ha aggredito i militari, procurandogli lesioni guaribili in dieci giorni.

A Porto Recanati, un nucleo di 25 persone compresi i militari della locale Stazione, hanno chiuso le vie di accesso alla città, procedendo con controlli nei confronti di soggetti con precedenti penali, sottoponendoli anche ad accurate perquisizioni personali, veicolari e domiciliari con l’aiuto delle 2 unità cinofile del Comando Legione Carabinieri “Marche”.

Analoghi controlli sono stati eseguiti anche a San Severino Marche, Matelica e Tolentino. Qui i militari, hanno passato al setaccio la maggior parte dei parchi pubblici, procedendo al controllo di numerosi giovani.

Tutta l’attività di controllo è stata poi seguita dall’alto dall’elicottero del 5° elinucleo che, in un’occasione, ha anche segnalato un’autovettura che aveva fatto inversione. Successivi controlli hanno poi appurato che trattavasi di alcuni giovani che avevano sbagliato strada. L’attività di contrasto dell’Arma verso ogni forma di illegalità in tutta la Provincia procede in maniera serrata, tale da non lasciare spazio a malintezionati proclivi alla commissione di reati.

Tali servizi verranno ulteriormente accentuati, soprattutto per assicurare che l’estate dei cittadini della Provincia di Macerata trascorra il più possibile tranquilla.


di Marta Marini
redazione@viveremarche.it






Questo è un articolo pubblicato il 06-07-2018 alle 15:25 sul giornale del 07 luglio 2018 - 206 letture

In questo articolo si parla di cronaca, articolo, Marta Marini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aWlx