Riace: al sindaco Mimmo Lucano revocati i domiciliari ma divieto di dimora. Lascia la città

17/10/2018 - Ha lasciato Riace mercoledì mattina Domenico Lucano, il sindaco sospeso dopo le accuse di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, per cui il Tribunale del riesame di Reggio Calabria ha revocato gli arresti domiciliari stabilendo il divieto di dimora.

Resta a Riace Lemlem Tesfahun, la compagna, per la quale è stato disposto l'obbligo di firma. Non è stato comunicato in quale città sia stato trasferito. Secondo alcune fonti il sindaco potrebbe trovarsi nella Locride dove ha alcuni parenti.

Intanto i numerosi volontari che da anni collaborano con Lucano e l'Amministrazione comunale, sono intenzionati a portare ancora avanti con l'autofinanziamento ed i contributi il "modello Riace" di cui il Governo ha decretato la soppressione con l'uscita dallo Sprar.

Lucano rimane indagato per una serie di reati tra cui il favoreggiamento di immigrazione clandestina e l’illecito affidamento dei servizi della raccolta differenziata.


di Sara Santini
redazione@viveremarche.it




Questo è un articolo pubblicato il 17-10-2018 alle 11:19 sul giornale del 18 ottobre 2018 - 461 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aZtA