Dopo 40 anni di servizio nella Polizia di Stato, va in pensione il Sostituto Commissario Romeo Renis

8' di lettura 01/06/2020 - Dopo 40 anni di servizio nella Polizia di Stato, da oggi 1° giugno va in pensione il Sostituto Commissario Romeo RENIS in servizio presso la Questura di Macerata come responsabile-coordinatore del Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica, che potrà così’ dedicarsi interamente ai suoi numerosi interessi e alla sua famiglia che per decenni lo ha sostenuto nel suo impegnatissimo lavoro.

Lunedì mattina, con un velo di emozione ha salutato il Questore Antonio Pignataro al quale ha consegnato la lettera che Romeo, non potendo salutare di persona i colleghi a causa delle misure ancora in atto per il contenimento del Coronavirus, ha inviato, non soltanto ai colleghi del suo ufficio, ma a tutti i colleghi della Questura e delle varie articolazioni della Polizia di Stato della provincia. Toccanti e cariche di emozione le sue parole:

“Care colleghe e cari colleghi,

dal primo giugno prossimo sono collocato in quiescenza per raggiunti limiti di età.

60 anni, proprio ieri, non mi pare vero, invece è proprio cosi. Sembra ieri l’arrivo a Macerata nel gennaio 1983 quando la vigilanza della Prefettura/Questura si faceva fuori dal portone centrale, la volante era composta da tre colleghi, l’ufficio personale (allora il comando gruppo) era in viale Don Bosco e la sezione della polizia stradale era vicino alla stazione. All’arrivo alla stazione, venne a prenderci insieme al collega Appice, Busiello e l’indimenticabile Torchia con un nuovissimo pulmino fiat 850.

Tante cose sono fortunatamente cambiate, alcune non sempre in meglio, ma sempre con l’intento di servire il cittadino e tenere alto il valore della Polizia di Stato. Vi saluto, con l’orgoglio di aver fatto parte di una grande famiglia oggi piu’ che mai rispettata e apprezzata da tutta la nostra provincia.

E’ con un nodo che ripenso ai tanti momenti e alle tante esperienze passate, ma soprattutto, sto prendendo coscienza che inizia una nuova fase della vita, non sempre la più tranquilla.

Avrei voluto salutarvi in tutt’altro modo, rispettando la consuetudine del momento conviviale ma purtroppo, le condizioni attuali non lo consentono.

Lo faccio invece scrivendo queste righe. Un saluto forse freddo, ma non privo di sentimento e valore umano. Infatti mentre scrivo, mi ritornano in mente tanti ricordi con tanti di voi, tanti momenti belli e purtroppo anche qualcuno meno bello; ma tutti, pieni dei nostri sentimenti di servizio, del nostro modo di essere Poliziotti e con la voglia di fare bene il nostro lavoro ognuno nel suo settore. Non a caso il nostro non è definito solo un lavoro ma, un SERVIZIO – il compito appunto, di servire i cittadini “CON DISCIPLINA E ONORE” come recita parte dell’art. 54 della nostra Costituzione.

Il desiderio di salutarvi, si colloca purtroppo all’interno di questa terribile pandemia, la quale ci sta cambiato il modo di vivere, sta mutando l’organizzazione del lavoro, portando via amici e parenti senza nemmeno il valore del silente commiato. Insomma, un momento particolare e triste che sono sicuro supereremo ma ho paura, non a costo zero.

Vi saluto orgoglioso di essere un vostro collega e di aver lavorato con voi circa 38 anni. Macerata si è sempre contraddistinta per avere dei poliziotti in gamba e soprattutto delle persone serie.

Grazie per quello che mi avete insegnato e dato e chiedo scusa per qualche incomprensione.

Grazie a tutta la Polizia di Stato che mi ha consentito di realizzare parte dei miei sogni.

Un saluto rispettoso al signor Questore, al suo Vicario, a tutti i Dirigenti e funzionari ed al nostro Dottor Frascarelli Fabio. Nel salutare il nostro grande “Dottore” sento il dovere di ringraziare tutti i medici, gli infermieri e il personale sanitario della nostra provincia che hanno compiuto e stanno ancora compiendo il massimo sforzo per salvare vite umane. Il pensiero non puo’ non andare infine ai nostri caduti in servizio e in particolare ai due ragazzi che ho conosciuto, Gianluca Angelozzi e Leonardo Caucci con i quali ci legavano tanti servizi svolti insieme.

Un abbraccio sincero a Voi che lavorate alla Divisione Anticrimine, alla Squadra Mobile, alla Digos, alle Volanti e a tutto l’U.P.G. – S.P., al C.O.T., all’UPGAIP, all’Ufficio di Gabinetto, a tutta la Polizia amministrativa e Sociale, all’Ufficio Immigrazione, all’Ufficio Personale, all’U.T.L., all’Ufficio Sanitario, alla Sezione della Stradale e i Distaccamenti, al Commissariato, alla Postale, alla sezione c/o la Procura a tutti gli impiegati civili.

Un abbraccio e un saluto particolare e commovente ai colleghi della Polizia Scientifica; un settore dove ho trascorso circa 35 anni della mia vita e dentro al quale lascio parte del mio cuore. Sono veramente orgoglioso di aver lavorato con una squadra di specialisti apprezzati e rispettati da tutta la Polizia Scientifica Marchigiana e Abruzzese.

Per ultimo, non certamente per l’importanza, un pensiero e un abbraccio a tutto il sindacato di Polizia ed ai colleghi impegnati. Un particolare pensiero commuovente alle colleghe ed ai colleghi del SILP-CGIL, con i quali ho condiviso momenti belli e battaglie straordinarie nella convinzione che la dignità delle persone e il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro dei poliziotti passa soprattutto attraverso un forte e serio sindacato confederale qual’e’ il SILP CGIL.

Vi auguro di cuore BUONA VITA A TUTTI E RISULTATI DI GRANDE SODDISFAZIONE.

Un abbraccio.”

Il Sostituto Commissario Romeo RENIS si è congedato dal Questore Pignataro con una stretta di mano promettendo che, anche se in un altro ruolo, continuerà a difendere e tutelare la collettività restando sempre al fianco della Polizia di Stato avendo sempre come obiettivo quello di rinsaldare e mantenere vivi i principi di libertà, giustizia e legalità, perseguiti sempre con determinazione ed entusiasmo in tanti anni di carriera.

Nativo di Mesagne (BR) e trasferitosi definitivamente a Macerata dal 1983, il Sost.Comm. Romeo RENIS lascia la Polizia di Stato dopo quasi 40 anni di servizio e dopo varie esperienze professionale.

Dopo aver frequentato il corso di addestramento a Peschiera del Garda, ha frequentato ad Abbasanta (Oristano) 1983 il corso di addestramento ai servizi di scorta e sicurezza conseguendo l’abilitazione a particolare impiego di “ addestrato ai servizi scorta; (questo gli ha consentito di essere aggregato presso la Questura di Palermo durante il primo famoso maxi-processo).

A Macerata, dopo un breve periodo nella sezione “Volanti”, ha prestato servizio nel settore tecnico-operativo della Polizia Scientifica dopo aver frequentato il relativo corso nel 1984/85.

Dal 1997 al luglio del 2010 ha ricoperto l’incarico di responsabile-coordinatore del Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica e l’incarico di responsabile della Squadra di Polizia Giudiziaria dell’Ufficio Stranieri.

Nel 2010 trasferito in Ancona perché eletto nel consiglio comunale di Macerata, ha comandato la Squadra Informativa della Questura di Ancona, la seconda sezione della Divisione Anticrimine, è stato componente della squadra anticrimine del Commissariato di Osimo e responsabile della Polizia Scientifica sempre del Commissariato di Osimo.

Ritornato a Macerata nel 2015 è stato fino a ieri il responsabile del Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica.

Oltre al suo principale incarico nella Polizia Scientifica, ha frequentato il corso di direttore di Tiro e di responsabile e collaboratore in Ordine Pubblico.

E’ stato premiato con numerosi riconoscimenti per varie operazioni di Polizia Giudiziaria di notevole rilievo. Nel 2015 ha ricevuto dal Comune di Osimo il prestigioso “Encomio civico” per aver collaborato al progetto sulla sicurezza dei cittadini ideando il vademecum sulla sicurezza e realizzato il progetto della “Mutualità di Vicinato”.

Nel 2018 è stato insignito con l’onorificenza di Cavaliere dell’ordine al merito della Repubblica Italiana.

Con deliberazione della Giunta regionale delle Marche n. 1783 del 13/12/2010, è stato nominato componente del Comitato Scientifico dell’Osservatorio Regionale per le Politiche Integrate di Sicurezza dove si analizzavano i vari progetti di sicurezza urbana ideati dai comuni marchigiani; fra le motivazioni si legge: “in considerazione delle particolari doti professionali e personali, suffragate da una specifica preparazione universitaria e post universitaria….”.

Attualmente è Presidente e promotore, insieme all’ex Questore Giorgio Iacobone e alla compianta Barbara Pojaghi dell’Associazione ONLUS “INSIEME IN SICUREZZA”.

Per il mondo sindacale della Polizia Maceratese e Marchigiana, è stato un vero punto di riferimento. E’ stato sicuramente fra i primi a parlare di sicurezza dei cittadini in un ottica di partecipazione sociale. La sua lunga militanza nel sindacato di polizia gli ha consentito di ricoprire numerosi incarichi:

componente della segreteria provinciale del SIULP (Sindacato Italiano Unitario Lavoratori di Polizia) di Macerata;

componente della segreteria regionale del SIULP Marche;

dal 1994 al 1999 segretario generale del SIULP Marche e componente del direttivo nazionale del SIULP – (area CGIL);

Segretario generale del SILP-CGIL (Sindacato Italiano Lavoratori di Polizia per la CGIL) della provincia di Macerata

Dal 1999 a marzo del 2010 Segretario Generale del SILP-CGIL Marche e componente del direttivo naz.le.

Inoltre, con provvedimento dell’amministrazione della P.S., rappresentando il sindacato ha ricoperto i seguenti incarichi:

componente la commissione ambiente e salubrità per l’anno 1986 – 1987 – 1988;

componente commissione alloggi individuali per l’anno 1991;

componente commissione attività di protezione sociale e di benessere del personale per l’anno 1998;

componente della commissione periferica per le ricompense presso la Direzione Interregionale di Firenze.

Renis, ha conseguito la laurea in Analisi delle Politiche Pubbliche – Facoltà di Scienze Politiche presso l’Università di Macerata; la laurea Magistrale in Criminologia applicata per l’investigazione e la sicurezza presso l’università di Bologna – Forli; ha conseguito il Master in “Management delle Politiche di Sicurezza Urbana” (MAPS) presso l’Università di Urbino e infine, è autore del libro IN…SICUREZZA DEI CITTADINI – organizzazione ed efficacia delle Forze di Polizia in Italia: le proposte di un addetto ai lavori, edito dall’EDIESSE nel dicembre 2009.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-06-2020 alle 10:04 sul giornale del 03 giugno 2020 - 233 letture

In questo articolo si parla di attualità, questura di macerata, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bmUz





logoEV