Conto alla rovescia per il Macerata Opera Festival

Sferisterio 4' di lettura 14/07/2020 - Mancano ormai poche ore all’inizio della 56esima edizione del Macerata Opera Festival 2020 #biancocoraggio in programma dal 18 luglio al 9 agosto e il debutto dell’opera allo Sferisterio sarà preceduto da una serie di attività collaterali.

Si comincia mercoledì 15 luglio alle ore 18 (Cortile di Palazzo Conventati) con la presentazione del libro 1791- Mozart e il violino di Lucifero di Davide Livermore, regista di Don Giovanni, che durante l’incontro dialogherà con la direttrice artistica Barbara Minghetti e con Cinzia Maroni.

Giovedì 16 luglio avrà luogo a Macerata l’incontro di ATIT – Associazione Teatri Italiani di Tradizione, presieduta da Luciano Messi, con il tema Teatri di Tradizione-Teatri dei Territori: valore culturale, sociale ed economico (dalle ore 10 alle ore 14, Auditorium della Biblioteca Mozzi Borgetti) organizzato in collaborazione con Symbola e con la partecipazione di Romano Carancini, Stefania Monteverde, Fabio Renzi e Antonio Taormina.

I giornalisti Angelo Foletto e Carla Moreni intervisteranno il regista Davide Livermore e il direttore d’orchestra Francesco Lanzillotta per l’incontro con il pubblico Aspettando Don Giovanni, venerdì 17 luglio alle ore 18 (Cortile di Palazzo Conventati). Sempre il 17 luglio sarà aperta alla stampa l’anteprima di Bía. Un passo nuovo, una parola propria, un progetto di #ToTEAM con la direzione artistica di Antonio Smaldone, vincitore del concorso Macerata Opera 4.0 per gli under35 dall’Associazione Arena Sferisterio, in coproduzione con Fondazione Romaeuropa, Fondazione I Teatri di Reggio Emilia, Marche Teatro e Fondazione Teatro delle Muse di Ancona e in collaborazione con Opera Europa. Lo spettacolo è firmato da Antonio Smaldone (regia, drammaturgia e testi) insieme a Riccardi Olivier (regia, coreografia, drammaturgia e testi). Con loro anche Davide Gasparro (regista collaboratore, drammaturgia e testi) Marco Benetti (musica), Stefano Zullo (scene e costumi), Paolo Vitale (luci), Piera Leonetti (video art), Erica Meucci coreografa assistente). Bía, atto unico in sette quadri, pone lo spettatore dinanzi a una significativa selezione di problematiche contemporanee: il rapporto dell’uomo con la natura, l’identità di genere, i flussi migratori, la violenza, il fanatismo, il lavoro, il concetto attuale di cultura (recite aperte al pubblico: 20 e 21 luglio alle 21:30 e 22:45 nel cortile di Palazzo Buonaccorsi).

Due gli incontri in programma sabato 18 luglio, giorno dell’inaugurazione: alle ore 12, al giardino dell’ex Asilo Ricci, primo appuntamento dei tradizionali “Aperitivi culturali” organizzati da Cinzia Maroni (Associazione Sferisterio Cultura) con il giornalista Enrico Girardi che parlerà di Don Giovanni: un’opera buffa; alle ore 18 invece incontro con il testimonial del festival #biancocoraggio Giancarlo De Cataldo, scrittore e magistrato, che dialogherà con il giornalista Alberto Mattioli, mentre Valerio Calzolaio presenterà l’ultimo libro “Io sono il castigo” (Einaudi) in collaborazione con Macerata Racconta (ore 18, Piazza Vittorio Veneto). Alle ore 21 andrà in scena allo Sferisterio Don Giovanni di Wolfgang Amadeus Mozart con la direzione di Francesco Lanzillotta. Lo spettacolo è firmato dal regista Davide Livermore che, dopo i successi al Teatro alla Scala e sui maggiori palcoscenici internazionali, debutta a Macerata con una coproduzione con il festival francese delle Chorégies d’Orange, dove il capolavoro mozartiano è andato in scena nell’estate del 2019 e che è stato ripensato e riorganizzato per gli spazi dello Sferisterio anche alla luce delle nuove normative di sicurezza. Nel ruolo del protagonista ci sarà Mattia Olivieri, Leporello sarà Tommaso Barea, Donna Anna Karen Gardeazabal, mentre Donna Elvira e Don Ottavio saranno rispettivamente Valentina Mastrangelo e Giovanni Sala. Completano il cast Antonio Di Matteo (Commendatore), Davide Giangregorio (Masetto) e Lavinia Bini (Zerlina).

Oltre l’anteprima del 15 luglio, questo è calendario di tutte le recite in programma: 18, 24, 26 e 31 luglio, 2 e 8 agosto. Questa settimana inaugurale si chiude domenica 19 luglio con il primo appuntamento crossover della stagione 2020: ...MaC’eraTa...nta Voglia di Musica con Enrico Melozzi che, dopo aver conquistato Macerata lo scorso anno con i 100 Cellos, torna con un ospite d’eccezione, il rapper Anastasio. Il concerto sarà un viaggio musicale inedito, da Mozart ai Nirvana, passando attraverso le musiche di Melozzi e la sua Orchestra Notturna Clandestina. In palcoscenico anche Paolo Ingrasciotta, nel ruolo di Don Giovanni e Tommaso Barea in quello di Leporello (ore 21 allo Sferisterio). Tutti gli appuntamenti fuori lo Sferisterio sono a ingresso libero con prenotazione obbligatoria sul sito sferisterio.it I biglietti per Bía e Don Giovanni sono disponibili sullo stesso sito e presso la biglietteria di piazza Mazzini.

Il Macerata Opera Festival è realizzato dall’Associazione Arena Sferisterio con Comune di Macerata, Provincia di Macerata, Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, Regione Marche e grazie a un gruppo di privati fra cui il Banco Marchigiano come Major Sponsor. Un ringraziamento ai Cento Mecenati che sostengono attraverso Art Bonus l’attività del festival.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-07-2020 alle 11:28 sul giornale del 15 luglio 2020 - 212 letture

In questo articolo si parla di macerata, spettacoli, macerata opera festival, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bqA5





logoEV